Sacchi contro Pioli: “Milan sparpagliato per il campo” Poi divide le colpe

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Le critiche di Arrigo Sacchi alla stagione del Milan sono rivolte sia all’allenatore, Stefano Pioli, che “al contesto e al gruppo a disposizione

Dopo aver criticato una società “senza stile, Arrigo Sacchi ha parlato del Milan a livello tattico, sottolineando gli errori di Stefano Pioli in una stagione che non sta rispettando le aspettative. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’ex allenatore rossonero e CT della Nazionale ha però alleggerito la posizione sull’allenatore Campione d’Italia 2021/2022, spiegando che “vanno valutati anche il contesto e il gruppo a disposizione“.

Responsabilità da dividere

Questa la valutazione di Arrigo Sacchi: “Quando vedo i giocatori del Milan sparpagliati per il campo significa che qualcosa non va e a me dispiace tanto, perché penso che Pioli sia un buon allenatore oltre che una brava persona. Però deve intervenire“.

Le responsabilità, continua Sacchi, vanno divise tra Pioli e le scelte del Milan a livello di rosa: “La squadra spaccata in due è responsabilità di Pioli. È bravo e deve fare in modo che non accada più. Vedo che spesso Pioli viene criticato, io non gli darei troppe colpe perché vanno valutati anche il contesto e il gruppo a disposizione. Il Milan a volte dà l’impressione di non saper stare in campo, poi azzecca cinque o sei partite, poi ripiomba nel caos. Non c’è equilibrio sul terreno di gioco e non c’è continuità nei risultati. Così non si va da nessuna parte. Se un giocatore non si sacrifica, se non corre all’indietro rapidamente, se non collabora, Pioli deve avere il coraggio di lasciarlo fuori. Altrimenti quel giocatore danneggia tutta la squadra“. Il riferimento è a Rafael Leao, che secondo Sacchi “gioca prevalentemente da solo“.

Ultime news

Notizie correlate