Milan-Roma, per Ordine regna la confusione, poi va sui singoli

I più letti

Sulle colonne de Il Giornale, nel suo editoriale, Franco Ordine prova a spiegare la sconfitta del Milan contro la Roma, analizzando in particolare le colpe della squadra

Giudizio abbastanza negativo a tutto tondo, quello di Franco Ordine su Il Giornale per quanto riguarda Milan-Roma. Tra gli elogi tattici a De Rossi, meritevole di aver complicato i piani di Pioli e i demeriti dei giocatori rossoneri, mai capaci di creare presupposti importanti, il giudizio è certamente poco positivo. Per ribaltarla, l’impressione è che serva una vera impresa.

Confusione e disordine

Milan-Roma è stata una partita complicata per i rossoneri, rei di non essere mai stati in grado di sorprendere i giallorossi di De Rossi che “Con la sua impostazione toglie spazio al Milan”, come recita Franco Ordine nel suo editoriale su Il Giornale. L’analisi tattica è quella parsa lampante a tutti con “El Shaarawy che tiene a freno Theo Hernandez e può prenderlo alle spalle”. La reazione dei rossoneri c’è stata, ma “Più di viscere che di testa, producendo poca roba”. Nel mirino chiaramente c’è Rafael Leao, definito “Il grande assente, i fischi quando Pioli lo richiama in panchina sanciscono la sua serata no” oltre all’analisi del mancato apporto qualitativo della “Società con Theo Hernandez“. L’unico spiraglio di luce lo si è visto coi cambi: “Adli procura qualche sussulto, Chukwueze salta un paio di birilli e procura la traversa di Giroud”.

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate