Milan-Roma, De Rossi: “Così abbiamo arginato la catena Theo-Leao”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il Milan perde il primo atto della sfida di andata dei quarti di finale di Europa League contro la Roma: le parole di Daniele De Rossi

È un Milan molto deludente quello visto questa sera a San Siro contro la Roma nella gara di andata dei quarti di finale di Europa League. Il primo atto è dei giallorossi, che grazie all’incornata su corner di Gianluca Mancini sbancano il Meazza e si prende un importante vantaggio in vista della gara di ritorno, in programma il prossimo giovedì allo stadio Olimpico. Al termine della sfida tra Milan e Roma, l’allenatore giallorosso Daniele De Rossi ha commentato la gara ai microfoni di Sky Sport.

Le parole di Daniele De Rossi

Sulla partita: “Mi è piaciuto un po’ tutto, ma soprattutto la gestione dedl pallone, che è stato molto buona per 60 o 70 minuti. Abbiamo tenuto bene palla per portare loro fuori. Sappiamo che quando vengono forte dobbiamo andare in verticale. Forse oggi abbiamo visto la migliore prestazione di Romelu da quando sono qui. Ci ha aiutato, ha fatto salire la squadra e ha fatto le sponde. Oggi ha fatto la partita che vorrei sempre vedere da lui”.

Sulla personalità nel palleggio: “Avevamo avuto un paio di partite in cui lo avevamo fatto meno bene, come a Lecce. Ora siamo tornati a palleggiare bene, prima nel derby e oggi ancora di più. A volte si pensa che più la squadra avversaria è forte, più è difficile tenere la palla. Invece secondo me in alcuni casi può essere il contrario. A volte fa paura lo stadio, l’atmosfera… ma i grandi giocatori in fase offensiva, ogni tanto qualche spazio te lo lasciano dietro”.

Sulla prestazione: “Ho apprezzato moltissimo anche la forza con cui abbiamo difeso fino all’ultimo. Quando sfidi squadre così forti, l’atteggiamento anche un po’ da provinciale negli ultimi 10 o 15 minuti ci può stare. Bisogna saper fare un po’ tutto. Gli ho detto che non avrei accettato nemmeno un centrimetro meno dell’atteggiamento visto nel derby. Poi possiamo perdere, sbagliare i passaggi, le scelte, ma l’atteggiamento visto nel derby non possiamo tenerlo solo nel derby o a Milano. Se a Udine vedrò un atteggiamento meno feroce e meno da squadra vera vorrà dire che io dovrò ancora lavorare molto. E che i giocatori non hanno ancora capito qualche atteggiamento bisogna avere per giocare a calcio sempre, soprattutto quanche le partite sono così importanti. Queste così di blasone a volte si preparano da sole, ma bisogna giocare così anche nei campi più piccoli”.

Sulla corsia di destra, che ha arginato la fascia sinistra del Milan: “Abbiamo studiato il Milan. Ha campioni un po’ dappertutto, ma quella catena di sinistra è quella che gli ha portati a dominare sia quando hanno vinto lo Scudetto che negli ultimi anni. Pensavo fosse giusto fare un po’ di più. Di solito da quella parte abbiamo Paulo e Cristante che fa un grande lavoro. Secondo me arrivare in corsa per Brian su Theo sarebbe stato un po’ troppo oggi. Abbiamo fatto questa scelta quindi. Ma avete fatto bene a citare Cristante, ha fatto benissimo. Ottimo anche El Shaarawy che mi ha subito dimostrato di essere prontissimo a gicoare anche in un ruolo non suo come l’ala destra”.

Sulla rinascita della Roma sotto la sua guida: “I gicoatori in fiducia hanno anche un atteggiamento corporeo migliore sia in allenamento che in partita. È tutto molto legato, sia l’aspetto mentale che quello tecnico-tattico. Gli ho detto che ero tranquillo e che mi fidavo di loro prima della partita”.

Ultime news

Notizie correlate