Milan-Roma, nuovo stadio, U23 e Comolli: i piani di Cardinale per il futuro

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Gerry Cardinale torna a Milano per Milan-Roma: i dossier sul tavolo sono quelli di Damien Comolli, dell’U23 e del nuovo stadio

In occasione di Milan-Roma, quarto di finale di andata di Europa League, Gerry Cardinale tornerà in Italia e tornerà a San Siro per vedere dal vivo la sua squadra. Per la Gazzetta dello Sport, non è l’unica partita che il n1 di RedBird giocherà a Milano nelle prossime settimane. La sfida tra Milan e Roma è infatti per Cardinale il pretesto per incontrarsi prima con Furlani e Ibrahimovic e poi con Damien Comolli, presidente del Tolosa e candidato al ruolo di prossimo AD rossonero.

Rivoluzione o conferma?

Per la rosea, il n1 di RedBird ha davanti a sé una scelta, quella sul futuro dell’organigramma societario del Milan, che è duplice: puntare su Damien Comolli, idea nata in inverno, oppure confermare la struttura attuale con Furlani, Ibrahimovic e Moncada. Gazzetta ricorda che non è una scelta semplice, sia perché Comolli è impegnato con la vendita del Tolosa che perché “ha già puntato su Ibrahimovic“.

Seconda squadra U23 e nuovo stadio: i piani di Cardinale per il Milan

Le altre due questioni calde in casa Milan sulle quali Gerry Cardinale ha intenzione di fare il punto solo la seconda squadra U23 e il nuovo stadio. Per quanto riguarda la prima, scrive il quotidiano, “il Milan ha già sostanzialmente deciso, serve che un altro club non si iscriva al campionato ma la storia dice che questo succede ogni estate“. Il piano è il seguente: Daniele Bonera in panchina, Jovan Kirovski DS e “tanti ragazzi dell’attuale Primavera promossi in U23“. Più complicata la questione nuovo stadio, “il primo grande obiettivo di Cardinale nei progetti extra-campo per il Milan“. L’Accordo di Programma tra il Comune di San Donato e la Regione Lombardia potrebbe partire a breve, con un anno e mezzo di incontri tecnici e dibattiti sulla fattibilità: “Sarà lungo, sarà complesso e politico, molto politico“, chiude il quotidiano.

Ultime news

Notizie correlate