Il Milan non è di RedBird: Repubblica lancia il nuovo “Mister X”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il quotidiano Repubblica ha lanciato una notizia che ha del clamoroso: il Milan non sarebbe di proprietà di RedBird, ma di fondo olandese

Il 25 aprile in casa Milan si apre con un’indiscrezione clamorosa: il club non sarebbe di proprietà del fondo americano RedBird di Gerry Cardinale ma di un fondo privato con sede in Olanda. A lanciare la notizia è stata l’edizione di Repubblica di questa mattina, quotidiano secondo il quale la vera proprietà del club “si evince con chiarezza da un recente documento pubblico“. RedBird e il suo gestore Gerry Cardinale non sarebbe l’azionista di maggioranza del Milan.

Tra il Milan e RedBird spunta il fondo Olandese

Il documento pubblico di cui parla il quotidiano è il modulo ADV, documento atto a racchiudere le principali informazioni sulle strategie di investimento e sui clienti. Dal modulo in questione emerge che “i fondi gestiti da Cardinale hanno un unico referente non statunitense, per il quale è stato costituito ad hoc RB FC Holdings CV: un fondo privato con sede in Olanda“. Repubblica scrive che il fondo in questione è in realtà l’azionista di maggioranza del club “indiretto” con poco più di 410 milioni di euro investiti.

Il classico Mister X

Il quotidiano aggiunge poi un particolare. La società di Amsterdam che controlladi fattoil Milan (ACM FootballCo Intermediate Coöperatief U.A) avrebbe non uno, ma due direttori. Il primo è Robert Klein, partner di Gerry Cardinale in RedBird Capital Partners. Il secondo è “il classico Mister X“, che compare secondo Repubblicasotto la nomenclatura di Dentaleus Holding B.V.“. A livello pratico, spiega, le decisioni possono essere assunte se e solo se entrambi i direttori sono d’accordo.

Il quotidiano chiude con una domanda: se il fondo RedBird IV “ha versato 230 milioni (poco più del 20%)“, “chi ha investito più soldi di tutti nell’affare Milan?“.

Ultime news

Notizie correlate