Inchiesta Milan RedBird-Elliott, Ordine: “La buona notizia non attizza”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Franco Ordine torna in maniera polemica sull’inchiesta che coinvolge il passaggio di proprietà del Milan da RedBird ed Elliott

Torna a far parlare di sé l’inchiesta sul passaggio di proprietà del Milan da Elliott a RedBird, questa volta però per una notizia della quale non si è parlato a sufficienza. A parlare della questione è stato Franco Ordine, in un editoriale sul portale DerbyDerbyDerby.

“La materia è identica”

La critica di Franco Ordine è rivolta all’interesse della stampa e dei social media: “La buona notizia non attizza, in altri tempi, con esiti magari diversi, l’eventuale conclusione negativa per l’azionista del Milan avrebbe scatenato l’interesse“. Il riferimento, come anticipato, è alla notizia rilanciata due giorni fa nella giornata di ieri dal Corriere della Sera sul procedimento penale che nel 2022 ha coinvolto il passaggio di proprietà del Milan da Elliott a RedBird, procedimento che si è concluso con il luogo a non procedere.

Ordine lamenta il fatto che dopo l’uscita del quotidiano ci siano statizero commenti e zero dibattiti“, soprattutto alla luce del fatto che “la materia è identica a quella che ha spinto la procura di Milano ad aprire una indagine (con Gazidis e Furlani indagati per non corrette comunicazioni sul proprietario del club)“.

Ultime news

Notizie correlate