Impallomeni: “Milan, fallimento e delusione. PSG agli antipodi”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Due riflessioni da parte del giornalista ed ex calciatore: Impallomeni ragiona sul Milan dopo l’Udinese e prima del PSG

Intervenuto a TMW Radio nella trasmissione “Maracanà”, Stefano Impallomeni ha parlato della lotta Scudetto con, in questo momento, Inter, Juventus e Napoli in prima fila, ma anche del Milan-PSG di questa sera. A incidere sul particolare momento rossonero, soprattutto la deludente sconfitta contro l’Udinese di sabato sera. Il passaggio da una sfida all’altra nell’intervista dell’ex giocatore. Di seguito, le sue dichiarazioni riportate dal sito della radio stessa.

L’EX MILAN: “ALTRO CHE CALCOLI! UN INVOLUTO E UN NON-SOSTITUTO”

La corsa al titolo (oggi ancora a 3)

“A chi dedica il primo pensiero?”. Impallomeni parte da Fiorentina-Juventus e dal contesto che l’ha circondata:

“D’accordo con la decisione della Fiesole, è meglio abbandonare lo stadio e la propria squadra per stare accanto al proprio popolo. E non è stata la stessa partita quella allo stadio, si è sentita l’assenza della Curva. Detto questo parlo del Bologna, che sintetizza un calcio tra giochisti e risultatisti. E’ un compromesso utile”.

Parlando della lotta Scudetto, è la Juve l’anti-Inter?

“Se continua così, avendo un solo impegno a settimana, le cose si fanno interessanti. Ma per me l’Inter deve temere solo se stessa. È una squadra che sta prendendo corpo, ieri ha ricordato Nereo Rocco, ma finché vince ha ragione Allegri. Dall’altra parte dico che la Viola poteva giocare fino a Pasqua ma non avrebbe mai segnato”.

Impallomeni, che Napoli vede in questo momento?

“Natan mi sembra il fratello di Juan Jesus, se sta bene fisicamente è meglio il secondo. Dalla metà campo in su è però fortissima e vive di spunti lì davanti. Anche in una partita storta, il Napoli crea perché è forte e ha i giocatori. Può lottare per il titolo? Chissà, se escono alchimie ed equilibri nuovi. Adesso è un momento nì ed è a 7 punti dall’Inter. Per me il Napoli può stare davanti alla Juve, che sta facendo di più delle sue possibilità”.

BERGOMI: “IL MILAN HA SOTTOVALUTATO L’ADDIO DI BRAHIM DIAZ”

Due crisi: Lazio e Milan

Per la Lazio di Maurizio Sarri, la Champions League è come una festa, mentre il campionato la priorità. Così dice il tecnico…

“Vuole vincere il derby piuttosto che in Europa. Sarà importante non sbagliare entrambe le partite, perché se le sbagli entrambe… Poi dice che vuole rimanere e che non cambia idea. L’importante è che gli altri non cambino idea. Come sempre contano i risultati”.

Milan, Stefano Pioli è finito nel mirino della critica dopo gli ultimi risultati. Col Paris Saint-Germain può essere la gara della svolta?

“È il momento peggiore del Milan e il migliore del PSG. Non mi aspettavo una squadra così scarica con l’Udinese. L’esperimento del doppio attaccante fallimentare. Io non voglio Pioli via. Ora si alza l’attenzione, per certe partite la motivazione viene da sola. Devi giocartela. Si è perso l’incanto di inizio stagione”.

VERSO MILAN-PSG, SAVICEVIC: “FATE COME NOI! CHE RIMPIANTO DOPO QUELLA SEMIFINALE…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

milan psg impallomeni

Ultime news

Notizie correlate