Al Khelaifi: “Milan, grande rispetto! PSG nuovo, Donnarumma…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Il numero uno del PSG Nasser Al Khelaifi presenta la sfida in casa del Milan: Donnarumma, sarebbe potuto succedere prima?

Il grande assente della serata in casa Milan è (causa operazione al ginocchio) Nasser Al Khelaifi, presidente del PSG e dell’ECA. Il numero uno dei parigini ha parlato della sfida di questa sera, dal nuovo progetto del PSG al rispetto nei confronti del Milan, passando per un discusso ex come Gianluigi Donnarumma.

SOLDI FINTI E “71”: MILAN-PSG, LA CURVA SUD ACCOGLIE COSI’ L’EX DONNARUMMA

Milan – PSG e il ritorno di Donnarumma

Nella prima parte dell’intervista concessa alla GdS, il presidente del PSG Nasser Al Khelaifi ha presentato la sfida col Milan che vedrà protagonista un ex parecchio chiacchierato: Gianluigi Donnarumma.

MILAN-PSG: «Sono deluso di non esserci, ho provato a convincere il medico, ma non si può fare. Non sarà facile star lontano dai miei giocatori, Luis Enrique e il d.s. Luis Campos con cui sono in contatto continuo. San Siro ha storia e atmosfera incredibili. È una fortezza dove si gioca contro 12 avversari. E amo Milano: ci vengo spesso per affari e svago. La guarderò in tv: sarà una sfida titanica tra grandi club, proprio da Champions».

DONNARUMMA: «Gigio è tra i migliori portieri al mondo, è ancora giovane, molto professionale, una persona fantastica. Quando firmò per noi vinse l’Europeo con l’Italia da miglior giocatore, una cosa incredibile per un portiere. Avevamo provato a prenderlo già due o tre anni prima. Quello che ha fatto con il Milan è incredibile. Ho grande rispetto per lui e per il Milan».

MILAN-PSG, SOS DIFESA: IN ARRIVO DUE RINFORZI DALLA PRIMAVERA?

Il nuovo PSG di Luis Enrique, Mbappé e… Zaire-Emery

Com’è cambiato il PSG in estate con la scelta di Luis Enrique? Nasser Al Khelaifi risponde tra Mbappé, Luis Enrique e Zaire-Emery.

RIVOLUZIONE: «Al Psg è in corso una rivoluzione? Più che rivoluzione, evoluzione. Puntiamo al top, sempre alla ricerca di come migliorare e crescere. Per nuove fondamenta servono tempo, un obiettivo, pazienza, perseveranza. Un progetto si costruisce con un piano, non su un paio di gare. E poi abbiamo una nuova filosofia di lungo periodo, sul collettivo, non più sui singoli. Oggi mi piace guardare il Psg, come penso i nostri fan. E’ la strada giusta, anche con il nuovo centro di allenamento, il migliore al mondo: è una spinta per il futuro».

MBAPPE’ E ZAIRE-EMERY: «Mbappé al Real Madrid? Non ho visto il loro comunicato, siamo tutti focalizzati su noi stessi e il nostro calcio, non sugli altri. Kylian continua a raggiungere grandi traguardi e magari la gente lo dà per scontato, ma nessuno ha giocato due finali mondiali segnando pure una tripletta. Ripeto: Kylian è il migliore al mondo, è fantastico vederlo alla guida di Psg e Francia. Ha un effetto positivo sui nostri giovani, ci aiuta a costruire il nostro futuro. Zaire-Emery il nuovo Verratti? Innanzitutto, rendo omaggio a Verratti per il contributo dato al Psg in undici anni: è un giocatore fantastico, l’Italia e la Nazionale devono esserne fiere. Warren è speciale, cresciuto da noi, fa cose fenomenali, ed è così maturo per la sua età. Non va paragonato, è unico. Sta tracciando la sua strada. E’ leale, appassionato e ha una bella famiglia, un buon entourage. Siamo fortunati ad avere giocatori così. I migliori vogliono venire da noi, ma ormai i migliori giovani li formiamo. Il nostro nuovo centro di allenamento è al cuore della prossima fase di sviluppo».

VERSO MILAN-PSG, SORPRESA A CENTROCAMPO! PIOLI NE CAMBIA TRE

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

milan psg donnarumma al khelaifi

Ultime news

Notizie correlate