Milan, Condò su Pioli: “La Roma, l’Inter e una storia un po’ diversa”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Paolo Condò ha parlato del futuro di Stefano Pioli sulla panchina del Milan tra il ritorno con la Roma e il derby con l’Inter

In un editoriale sulle colonne di Repubblica, il giornalista Paolo Condò ha parlato del futuro del Milan e di quello di Stefano Pioli, strettamente collegato alle prossime due partite con la Roma (quarti di finale di ritorno di Europa League) e con l’Inter (derby che può valere la seconda stella nerazzurra).

“La storia è un po’ diversa”

Per Paolo Condò, “la stella polare più immediatadel Milan di Stefano Pioli è il ritorno dei quarti di finale di Europa League con la Roma. Nonostante i rischi e “le difficoltà incontrate” sul campo del Sassuolo, il Milan e Pioli hanno potuto sostenere un mezzo turnover “a cuor leggero“: “Il 2° posto pare blindato, specie se la Juve non riesce a pescare i tre punti nel serbatoio più sicuro di questi anni, quello del derby“.

Il derby di Milano invece, continua il giornalista, “non metterà in palio tanto lo scudetto ma la distanza psicologica fra le milanesi alla partenza del prossimo campionato“. Alla partita è legato il futuro di Stefano Pioli sulla panchina del Milan: “Naturalmente non ci sfugge quanto sia improprio legare la sorte di un allenatore a una singola partita, ma qui la storia è un po’ diversa, si parla di una serie ed è in ballo il match più prezioso per i tifosi“. “Lunedì“, chiude il giornalista, “Stefano Pioli correrà un grande pericolo, ma avrà anche in mano una grande opportunità“.

Ultime news

Notizie correlate