Ordine: “Milan, i lividi sull’animo si vedono tutti! E l’infermeria…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

La prestazione del Milan contro il Newcastle non ha convinto Franco Ordine: quanto ha pesato il derby nel pareggio di ieri?

Dopo il disastro nel derby, il Milan non riesce a riprendersi e con il Newcastle alla prima di Champions League nonostante le tantissime occasioni non riesce ad andare oltre lo 0-0. In un editoriale sulle colonne de Il Giornale, Franco Ordine ha commentato la prestazione dei rossoneri, una prestazione che non ha convinto molto il giornalista. Dai gol sprecati ai “lividi” post derby, passando per due nuove aggiunte all’infermeria rossonera: Franco Ordine commenta MilanNewcastle.

Occasioni, lividi, infermeria

“Dal Milan più fragile del 2023 nel derby di sabato sera al Milan più sciupone degli ultimi tempi. È quello che è successo in capo a 48 ore dentro l’accampamento di San Siro in occasione del debutto di Champions League che invece di regalare a Pioli e ai suoi il meritato successo scaccia incubo, ha confezionato un pareggio insapore che è un incipit poco favorevole lungo i tornanti di un girone di ferro con Psg e Borussia Dortmund. Deludente il Newcastle per il suo “catenaccio” elegante, non giudicabile la prova di Tonali, provato da imperfette condizioni di salute muscolare”.

“Ma da censura sono piuttosto la prova e la mira dei milanisti arrivati, puntualmente e ripetutamente in zona gol: Leao su tutti. Perché fin dalle prime scaramucce è sembrato con la luna storta. Quello stato d’animo, già segnalato sul 3 a 1 nel derby, ha inciso anche sulle scelte fatte e sulla più golosa palla-gol divorata dopo 20 minuti. Alla fine il prezzo salato pagato, risultato a parte, è quello dell’infermeria: Loftus-Cheek crampi e Maignan ko. I lividi sull’animo del Milan si vedono tutti. Lo stadio (primo non esaurito) è tutto dalla sua parte, omaggia Tonali che è un piacere sentire quei cori, in tribuna si accomoda anche Ibrahimovic dopo il colloquio privato con Gerry Cardinale per capire del ruolo futuro da ricoprire ma c’è bisogno di almeno 15 minuti canonici per liberarsi dall’angoscia e dai tremori”.

L’analisi di Milan-Newcastle

“Appena comincia a ingranare Loftus-Cheek, alle prese con l’impegnativo Guimaraes, il gioco di Pioli si sviluppa come se si togliesse il tappo a una bottiglia di bollicine. Il martellamento alla porta inglese procede con sequenze mozzafiato, sembra una sfuriata e invece è un dominio costante: prima Pobega dal limite, poi Giroud, ancora il francese su blitz di Theo Hernandez e infine Leao dopo un blitz dei suoi, sfiorano il bersaglio. Qui il portoghese, polemico con Maignan per qualche lancio impreciso, s’impappina sul più bello per la voglia di stupire e tutti i sodali lo rimproverano con occhiatacce meritate. […] Nella ripresa le occasioni clamorose sono la metà del primo tempo e capitano al Leao impreciso e nervoso di ieri sera oltre che a Reijnders, moscio nel tiro dopo un bel numero virtuoso in area di rigore. Perciò il modesto 0 finale è un premio eccessivo per gli inglesi e costituisce una beffa per i rossoneri meritevoli di ben altro epilogo”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

milan newcastle ordine

Ultime news

Notizie correlate