Capello: “Ho visto un Milan da Champions! Due critiche a Pioli…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Ai microfoni di Sky Sport, Fabio Capello ha parlato di Milan-Newcastle, di Stefano Pioli, di Tonali, Donnarumma e del Paris Saint-Germain

Dopo MilanNewcastle, sia tra i tifosi che soprattutto tra i protagonisti della gara, è rimasta un po’ di amarezza: lo 0-0 in una gara parecchio importante visto il girone impegnativo di Champions League e soprattutto le tante occasioni da rete sprecate si trasformano in un’opportunità persa. Tra pre e post partita sulle reti Sky Sport, l’ex allenatore dei rossoneri Fabio Capello ha parlato così di Milan-Newcastle: analisi del match, avversari e anche due critiche nei confronti di Stefano Pioli.

Due critiche a Pioli

Prima della partita, “Don” Fabio aveva commentato così le scelte di formazione di Pioli, concentrandosi sull’assenza di un giocatore che si è già dimostrato importante come Tijjani Reijnders: “Mi sorprende l’assenza di Reijnders, l’unico che sa inventare un passaggio in verticale e che fa girare il gioco veloce. In una gara in casa che il Milan deve vincere io l’avrei messo”.

Sempre prima del match, è arrivata un’altra critica a Stefano Pioli sull’argomento Zlatan Ibrahimovic: “Ibrahimovic si è preso la briga di venire proprio in un giorno delicato come ieri? Se ha preso la briga di andare da solo e gli è stato permesso di parlare con i giocatori, a quel punto la leadership dell’allenatore lascia un po’ a desiderare”.

L’analisi di Milan-Newcastle

Passando all’analisi di Milan-Newcastle, Fabio Capello ha visto un buon Milan, un Milan “formato Champions” che ha fatto cose diverse rispetto a quello che ha fatto vedere in Serie A: “Ho visto un Milan che finalmente non ha concesso la ripartenza all’avversario, perché il Newcastle è una squadra che quando riparte normalmente in Premier League è molto pericolosa. Di solito il Milan in campionato quando perde palla permette sempre all’avversario di arrivare davanti alla porta o di essere pericoloso: questa volta abbiamo visto un Milan da Champions, così come lo abbiamo visto l’anno scorso”.

L’ex allenatore rossonero ha parlato anche degli infortuni di Mike Maignan e Ruben Loftus-Cheek: “Ho una teoria su questi due infortuni. La grande tensione del derby, l’amarezza del dopo derby e la pressione di vincere questa partita e fare una grande prestazione con la testa consumi molte più energie. Questo ti può portare ad avere degli infortuni leggeri. Ho visto dei portieri finire partite coi crampi: la testa conta”.

Tonali, Donnarumma e il PSG

Sulla diversa accoglienza che è stata e che sarà per Sandro Tonali e Gianluigi Donnarumma, Capello ha sentenziato: “Donnarumma è andato via a parametro zero, è questa la differenza sostanziale. L’addio di Tonali ha invece permesso al Milan di investire tanto sul mercato: per questo motivo lui è applaudito e Donnarumma fischiato”.

Fabio Capello ha chiuso sugli avversari del Milan nel girone, concentrandosi in particolare sul Paris Saint-Germain di Luis Enrique: “Senza Mbappè è una squadra ridicola. Non è tra le favorite per la Champions, lo è il Manchester City. Ho visto le prime due gare e ha mostrato un calcio ridicolo, poi è tornato Mbappé e s’è vista un’altra squadra”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

milan newcastle capello

Ultime news

Notizie correlate