Change privacy settings

Milan, Chiarugi: “Il Napoli punta al rilancio ma l’ambiente è destabilizzato” (ESCLUSIVA)

I più letti

Abbiamo intervistato Luciano Chiarugi, ex attaccante di Napoli e Milan, che ci ha raccontato come i ragazzi di mister Mazzarri si stanno preparando all’importante trasferta di San Siro contro il Milan

Il Milan vuole tornare a vincere tra le mura di casa dopo il pareggio interno rimediato contro il Bologna lo scorso 27 gennaio: domenica sera i rossoneri ospiteranno il Napoli di Walter Mazzarri, reduce dalla vittoria contro il Verona e voglioso di riscatto contro una big dopo la deludente sconfitta in Supercoppa italiana. Abbiamo chiesto a Luciano Chiarugi, ex attaccante di Napoli e Milan, come i partenopei si stanno preparando all’importante trasferta di San Siro contro i rossoneri.

Il momento del Napoli: come arriva alla sfida al Milan?

Come sta la squadra, come sta preparando questa importante sfida contro il Milan? Credo che i 35 punti attuali non siano la classifica che tutti ci aspettavamo: io mi sento in parte napoletano perché ho giocato 2 anni lì, mi hanno accolto bene, mi sono trovato benissimo e quindi penso che ci si aspettava altro, al di là di tutte le questioni legate a partenze ed arrivi, al momento non è una classifica gratificante. Poi chiaro che qualche divergenza in casa sicuramente si è creata, qualche piccola polemica che ha fatto sì che momentaneamente quest’anno il Napoli non stia andando nel migliore dei modi. Però insomma ci sono ancora tante partite da disputare. Io mi auguro per il Napoli che possa migliorare la sua classifica perchè una città così importante che arriva da una vittoria così esaltante come quella dello scudetto possa volere qualcosa di più.”

QUI NAPOLI, EMERGENZA INFORTUNI FINITA: PER IL MILAN DUE RIENTRI TOP?

Qual è il giocatore o i giocatori che ritiene più in forma? Ci sono i titolari come Politano, Kvaratskhelia e poi quelli che momentaneamente non vediamo giocare; Ngonge è stato un acquisto azzeccato che addirittura domenica contro la sua ex squadra ha fatto gol. Il Napoli sta cercando di trovare quell’equilibrio, quella squadra che l’anno scorso ha entusiasmato e che quest’anno fatica a fare reparto. Io penso che Lobotka sia sempre straordinario e anche Anguissa è un buon giocatore. Poi queste voci su Osimhen e Zieliński destabilizzano l’ambiente napoletano e bisogna stare attenti: io De Laurentiis non so cosa possa dire perchè noi la vicenda la seguiamo sui media, sui giornali, ascoltiamo la tv… però in questo momento credo che il Napoli abbia sempre una grandissima squadra, anche se i risultati non sono venuti, speriamo che tra domenica in poi, senza nulla togliere alla partita che farà il Milan, in casa con loro possa riprendersi. Anche perchè poi il Milan con i suoi 49 punti ha ancora una grossa chance visto che è in ripresa, per il Napoli sarà difficile e ciò lo potrebbe rilegare ad una classifica non consona per quelle che sono le sue possibilità.”

I rossoneri, tra certezze e obiettivo terzo posto

Parlando di Milan, cosa si aspetta dai rossoneri dopo la vittoria sofferta contro il Frosinone?Il Milan è una grande squadra, dalla difesa al centrocampo fino a lì davanti, credo che quando Theo, Leao, Pulisic e Reijnders fanno veramente quello che devono fare è sempre una squadra che bisogna stare attenti in questo campionato. C’è da dire poi che le squadre che hanno giocato contro il Frosinone, che comunque è una squadra giovane e che fa vedere un bel gioco, hanno quasi sempre sofferto; però mi sembra che il Milan abbia trovato una certezza del suo valore di certi giocatori che possono fare in qualsiasi momento e partita prestazioni straordinarie e quindi, al di là della fortuna del terzo gol di Jovic, mi sembra che la mentalità sia quella giusta. Ha comunque 49 punti, indipendentemente da quello che sarà il rush finale, le altre concorrenti dietro possono non disturbare più secondo me, sicuramente il Milan potrà giocarsi apertamente e tranquillamente quello che riguarda il posizionamento in Champions League. Ha anche avuto una buona ripartenza nel girone di ritorno, chiaro che l’Atalanta che ha 10 punti di distacco debba giocare ancora una partita, ma la distanza è abbastanza lunga per quanto concerne poi questa ambizione di arrivare terza in campionato.