Milan, Ordine: “Confronto molto aspro Maldini-Pioli! Poi la proprietà…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Milan, Ordine: “Confronto molto aspro Maldini-Pioli! Poi la proprietà…”

Il giornalista racconta i retroscena della separazione di Paolo Maldini dal Milan: dai passi falsi con Cardinale al duro confronto con Stefano Pioli dopo Spezia-Milan

Con un lungo editoriale affidato alle colonne del Corriere Dello Sport, il giornalista Franco Ordine ha provato a ricalcare quella che è stata la storia dei dissapori tra Paolo Maldini e il nuovo Milan di Gerry Cardinale, aggiungendo un retroscena che riguarda anche Stefano Pioli.

I dissapori tra Maldini e il Milan di Cardinale

“È stato un classico divorzio all’americana: senza discussioni, scambio di idee e/o opinioni né confronto sui piani futuri e sui motivi effettivi della fi ne del rapporto di lavoro. Gerry Cardinale si è comportato da algido proprietario del Milan, poco affascinato dal passato glorioso di Paolo Maldini avendo sotto gli occhi il risultato tecnico ed economico della stagione, vissuta dal direttore tecnico rossonero in regime di piena autonomia. La frattura tra il fondo americano del Milan e il mondo Maldini non è di ieri né di ieri l’altro ma è lontano esattamente un anno e qualche giorno. Perché Gerry Cardinale, appena sbarcato a Milano quale nuovo proprietario (poi il passaggio ufficiale si sarebbe celebrato a settembre), si è ritrovato dinanzi a questo bivio: da una parte lo scudetto vinto contro ogni pronostico con festa di popolo per le strade della metropoli lombarda, dall’altra Paolo Maldini il quale, con una pungente intervista, randellava Ivan Gazidis reduce da una malattia, si candidava a garante del milanismo presso la tifoseria, invocando autonomia completa sul mercato, strappata solo per salvaguardare il clima festaiolo e raggiunta l’ultimo giorno utile, 30 giugno 2022 (con aumento dello stipendio da 3 a 4 milioni)”.

ALTRE NEWS MILAN – NUOVO STADIO, VERSO IL SI’ A SAN DONATO! PREGI E DIFETTI DELL’AREA

“Più o meno identico, con toni più felpati questa volta, il dissidio emerso dopo l’eliminazione dalla semifinale di Champions con l’Inter, persa nettamente. Allora Paolo Maldini sostenne che “per competere sui due fronti ci vogliono investimenti come sanno i nostri azionisti” che significava bussare a denari presso il fondo, da sempre schierato sulla linea del “calcio sostenibile” e del “moneyball” d’ispirazione tipicamente americana. Come sovrapprezzo spiegò che “sarebbe stato facile prendere Dybala”, trattativa intrapresa dall’ad Furlani e poi interrotta per non rompere la tregua con l’area tecnica. Al suo posto, costato 35,5 milioni è arrivato Charles De Ketelaere che vorrebbero sbolognare, ammesso di trovare un acquirente”.

ALTRE NEWS MILAN – FURLANI ROMPE IL SILENZIO: “GRAZIE MALDINI! ORA AMBIZIONE FORTIFICATA”

Un aspro confronto tra Pioli e Maldini

“Non solo. Solo i distratti non avevano colto, dietro le quinte, un altro dissidio consumatosi intorno al destino di Stefano Pioli e della sua panchina. Nelle ore successive alla sconfitta con lo Spezia, quando cominciava a complicarsi la corsa del Milan alla Champions e Maldini stesso si sentiva sotto attacco leggendo un giorno sì e l’altro pure, che il suo mercato veniva bocciato all’unanimità da tifosi e osservatori, c’è stato un confronto molto aspro tra lui e Stefano Pioli che lasciava immaginare – a molti addetti ai lavori – un possibile esonero dell’allenatore a fine campionato in caso di mancata Champions. Qui la proprietà, informata, è intervenuta con decisione facendo arrivare da New York una sorta di avviso ai naviganti: Pioli non si tocca!”.

ALTRE NEWS MILAN – CONDO’: “CARDINALE, PERCHE’?! PROPRIETA’ OSCURE, MALDINI ERA GARANTE…”

La rottura definitiva

“Che Paolo Maldini, celebrato da fuoriclasse in campo e da dirigente dopo lo scudetto, soffrisse l’ampia platea di critiche al suo mercato, è confermato anche da un altro particolare rimasto sotto traccia. A un certo punto ha chiesto al club di poter assumere un portavoce personale che curasse i rapporti con i media, richiesta respinta al mittente con una motivazione anche qui molto secca (“se proprio insiste, se lo paghi lui!”). Così si spiega una serie di interviste non calcistiche durante le quali ha raccontato retroscena del suo lavoro svolto a Milanello. In mancanza di un addetto stampa personale, in suo soccorso sono arrivati un po’ di amici (Bobo Vieri), ex sodali tra i quali Leonardo che lo chiamò al Milan dopo l’arrivo di Elliott a casa Milan in attesa del trasferimento di Gazidis dall’Arsenal a Milano. L’ex dg del Psg, partecipando alla serata dedicata alla presentazione del libro di Galliani, ha rilasciato una intervista per difendere l’operato di Maldini (“l’unica anomalia è questo “cici-cocç” che sento al Milan”) facendo chiaramente intendere che le critiche provenivano dal fronte della proprietà (“ma chi è questa…”). Non a caso è stato proprio Leonardo a improvvisarsi portavoce di Paolo lunedì sera per far circolare il reale andamento dell’incontro con Cardinale, molto breve nel tempo, senza alcun confronto”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

milan maldini pioli confronto

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate