Lukaku Milan, F. Galli: “Perché no, magari anche con Zirkzee” (ESCLUSIVA)

I più letti

In esclusiva a Lunch Press sul canale Youtube di Radio Rossonera, Filippo Galli ha commentato le voci su Lukaku al Milan, concentrandosi anche su Zirkzee

Filippo Galli è intervenuto ai microfoni di Radio Rossonera per commentare le voci di calciomercato intorno al club di Via Aldo Rossi. Sul possibile approdo di Lukaku al Milan, l’ex difensore non boccerebbe la mossa, chiedendosi se però sia in linea con i parametri dei rossoneri, come potrebbe invece essere Zirkzee. Proprio sul centravanti olandese, Filippo Galli ha raccontato come lo vedrebbe anche bene insieme all’ex numero 9 dell’Inter.

Coesistenza

Sul tema Lukaku Filippo Galli ha espresso alcuni dubbi, soprattutto in ottica diktat societari rossoneri: “Non so se Lukaku sia da Milan. Vedendo i pensieri e la visione del club mi sembra che lui esca da quelli che sono i parametri del Milan, ma è sempre vero che in un progetto si può pensare che qualche giocatore esca dai parametri prestabiliti. Quindi perché no.” ” L’ex difensore poi si sposta sulla questione Zirkzee, su cui le parti rimangono ormai ferme da settimane: “Io vedrei bene tutti e due, con Lukaku a fare da ricevimento là davanti e l’Olandese sotto. Non lo so comunque, finché non si risolvono le questioni legate al procuratore di Zirkzee… È un peccato perché si pensava potesse essere rossonero da molto tempo”.

Sempre in ottica centravanti, Filippo Galli ha poi parlato di come venga scelto e secondo quali parametri: “La scelta dell’attaccante ha più elementi: costi e ingaggio, funzionalità all’idea di gioco, per cui immagino i dirigenti rossoneri abbiano parlato con Fonseca e abbiano definito le caratteristiche di un giocatore o un altro che devono entrare nella rosa di partenza del Milan. L’obiettivo dell’allenatore è sempre quello di ottenere il meglio dai giocatori”. Tra i parametri chiaramente rientra anche la capacità di essere un uomo spogliatoio, cosa sul quale si interroga lo stesso ex giocatore: “Lukaku potrebbe essere un giocatore di leadership, ma non lo so. Per quello che ho visto non mi pare così però. Non mi sembra come Giroud in questo senso, poi finché non sarà qui e non lo vedremo agire in campo e fuori non lo potremo sapere”.

Ultime news

Notizie correlate