Romero: “Difficile entrare nel Milan, sorpreso dalle qualità di Leao”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Romero sulle difficoltà riscontrate al Milan e su quanto imparato in allenamento da Leao e Theo Hernandez

Luka Romero ha rilasciato un’intervista a Relevo dove ha parlato a 360 gradi della sua carriera, compresa l’esperienza di 6 mesi al Milan. Il classe 2004, attualmente in forza all’Almeria ha svelato le difficoltà riscontrate nel farsi spazio tra i campioni in maglia rossonera e di quello che ha imparato in allenamento in particolare da giocatori come Theo Hernandez e Leao. Qui un’estratto delle dichiarazioni di Romero a Relevo.

La difficoltà di Romero nel farsi spazio al Milan

Luka Romero nell’intervista concessa ai microfoni di Relevo ha risposto anche ad alcune domande sulla breve esperienza vissuta al Milan. L’argentino ha evidenziato così le difficoltà avute nel poter scalare le gerarchie in un top club come il Milan: “Sono club in cui è molto difficile entrare. Hanno grandi giocatori e ogni anno diventano sempre più forti”. Nonostante tutto, Romero non ha giudicato negativamente il passaggio a Milanello, dove ha appreso tanto: “Ho imparato molto in allenamento. Sono un ragazzo molto timido. Mi piace molto ascoltare. Tengo tutte le idee”.

La decisione di lasciare il Milan

Luka Romero ha rivelato di come è stato sorpreso dalle qualità di alcune individualità del Milan come Rafel Leao e Theo Hernandez. Così si è espresso sui due top player rossoneri: “Sorpreso dalla qualità di compagni come Theo Hernández o Rafael Leão, nonostante abbia imparato molto in allenamento”. Infine, Romero ha parlato della sua scelta di lasciare Milano per tornare in Spagna e trovare maggiore minutaggio rispetto a quello avuto nella formazione di Pioli: “avevo bisogno di uscire per continuare a crescere e giocare più minuti”.

Ultime news

Notizie correlate