Milan, Lopetegui e i dubbi sul carattere: nel 2006 svenne in diretta TV (VIDEO)

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

I tifosi rossoneri non hanno preso benissimo la notizia di Julen Lopetegui candidato alla panchina del Milan: i dubbi sono sul reggere la pressione

La notizia del giorno è stata lanciata questa mattina dalla Gazzetta dello Sport: Julen Lopetegui è in pole position per diventare il nuovo allenatore del Milan. L’ex CT della Nazionale spagnola, a livello di club, ha allenato Porto, Real Madrid, Siviglia e Wolverhampton senza togliersi grandi soddisfazioni a livello personale se non l’Europa League vinta con il Siviglia in finale nel 2020 contro l’Inter di Antonio Conte. Il dubbio di tanti tifosi del Milan e di qualche addetto ai lavori su Lopetegui è quello di far fatica a reggere la pressione, pressione che nella stagione 2024/2025 sarà altissima per una squadra che viene da un’annata storta.

Lopetegui e la pressione

L’esempio più calzante a tal proposito riguarda l’esperienza dell’allenatore basco al Real Madrid. Arrivato sulla panchina più importante del mondo dopo due anni da CT della Spagna (che lo cacciò quando scoprì che aveva firmato con Florentino Perez senza avvisare la Federazione), il viaggio nella capitale di Lopetegui durò 14 partite. Un ciclo iniziato con la sconfitta in Supercoppa Spagnola con l’Atletico Madrid (2-4) e concluso con la debacle al Camp Nou (5-1 subito dal Barcellona). Nel mezzo, altre 4 sconfitte con squadre che con il Real Madrid c’entrano poco: Levante, Alaves e CSKA Mosca (in Champions League).

Anche per la stessa Gazzetta dello Sport, “il carattere di Lopetegui è il grande interrogativo” per il futuro del Milan. A tal proposito, il quotidiano ricorda un episodio del 2006. Per i Mondiali poi vinti dall’Italia, l’ex portiere della Real Sociedad tra le altre venne chiamato come opinionista dall’importante emittente tv iberica La Sexta. Durante una puntata del programma “Una noche Mundial“, il suo esordio da opinionista tv, Julen Lopetegui perse i sensi in diretta mentre spiegava il sistema di gioco della Spagna di Luis Aragonés.

Anche se l’esempio della pagina di storia della tv spagnola non ha direttamente a che fare con il rettangolo verde e con l’allenare una squadra di calcio, è utile per capire il perché la stragrande maggioranza dei tifosi del Milan non ha al momento preso benissimo la possibilità che il basco si sieda sulla panchina rossonera.

Ultime news

Notizie correlate