Milan, Loftus-Cheek: “Lampard, Zidane e cosa manca al calcio di oggi”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato da Cronache di Spogliatoio, il centrocampista del Milan Ruben Loftus-Cheek ha parlato anche di Zinedine Zidane

Nella stagione 2023/2024 del Milan, uno degli elementi dal miglior rendimento fino ad ora è stato certamente Loftus-Cheek. Il centrocampista inglese ha trovato la sua dimensione ideale sulla trequarti, ed è il quarto giocatore in rosa ad aver raggiunto almeno 10 gol fra tutte le competizioni. Intervistato da Cronache di Spogliatoio, il centrocampista del Milan Ruben Loftus-Cheek ha parlato anche del suo idolo Zinedine Zidane.

Le parole su Zidane e non solo

Su Zinedine Zidane: “Ho sempre detto che è il mio giocatore preferito. L’ho guardato molto su YouTube da ragazzo, l’eleganza. Penso che il calcio oggi si concentri molto sulle statistiche. Ci perdiamo il modo in cui qualcuno gioca e il modo in cui giocava Zidane era elegante, amavi guardarlo. Non l’ho mai incontrato”.

Su Franck Lampard: “Era un giocatore che ammiravo molto, soprattutto da centrocampista. È stato quello da cui avremmo imparato molto nell’Academy. Quando è arrivato a fare l’allenatore io ero infortunato tutta la stagione perché dovevo recuperare dall’infortunio al tendine e sono stato sfortunato. Non ho potuto giocare molto sotto la sua gestione”.

Ultime news

Notizie correlate