Ordine: “Milan, Lazio spianata! Una nota negativa a casa Pioli”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

La “musa” del Milan è decisivo contro la Lazio: Franco Ordine commenta la vittoria dei rossoneri e l’unica “nota negativa” in casa Pioli

Nel primo, vero scontro diretto a San Siro, il Milan vince e convince ancora una volta contro la Lazio di Maurizio Sarri. Una ripresa dominante conferma i rossoneri in testa alla classifica insieme all’Inter, vittoriosa a Salerno nel posticipo di sabato sera (0-4, quattro gol di Lautaro Martinez). Se nel primo tempo Milan e Lazio si sono studiate tatticamente, nel secondo la “musa” rossonera Rafael Leao ha messo a ferro e fuoco la difesa di Sarri. Sulle colonne de Il Giornale, il commento del match è stato affidato al giornalista Franco Ordine.

MILAN-LAZIO 2-0, LE PAGELLE: LEAO TOP! I QUOTIDIANI PREMIANO I NUOVI

“Quando Leao è la musa del Milan…”

Nella prima parte, Franco Ordine commenta la vittoria del Milan sulla Lazio, una vittoria che ha lanciato ancor di più tra i fuoriclasse della rosa di Stefano Pioli le ali, Rafael Leao e Christian Pulisic.

“D’accordo, Leao non segna ma se decide di diventare la musa del Milan il risultato è sempre lo stesso. Due, tre, quattro volte Rafa sfonda sul suo binario preferito e invece di cercare il sigillo personale pensa al Milan e a qualche sodale piazzato in comoda posizione. Prima serve Pulisic a inizio della ripresa, la migliore frazione dei rossoneri capaci di spianare la Lazio, poi nel finale vede e serve Okafor piazzato sotto porta e gli affida il compito di chiudere sul 2 a 0 il secondo scontro diretto del torneo. Deludente la Lazio, specie nel suo atteggiamento, e poi nel rendimento dei nuovi arrivati dal mercato, uno più deludente degli altri. Solo Provedel evita un passivo più pesante. Se Leao dipinge, Pulisic è un cliente pericoloso per qualsiasi difesa. Una sola nota negativa a casa Pioli: quell’acciacco di Loftus-Cheek che salterà un paio di partite. Il numero degli infortuni collettivi comincia a diventare inquietante. Strana questa Lazio di San Siro, non sembra affatto una squadra di Sarri perché, a dispetto dei canoni tecnici del suo calcio, si posiziona con due linee molto compatte dietro la linea della palla e aspetta un errore del Milan per sorprenderlo in contropiede. Questo spiega la difficoltà tradita da Leao nel trovare spazio nelle zone presidiate in forza dai laziali”.

(VIDEO) MILAN-LAZIO 2-0, PAPA’ PULISIC A SAN SIRO: LA REAZIONE AL GOL E’ TUTTA DA VEDERE

La ripresa di Milan-Lazio

La seconda parte del commento al match tra Milan e Lazio, Ordine analizza il secondo tempo nel match, frazione in cui “cambia la musica” e i rossoneri mettono sotto la squadra di Maurizio Sarri.

“Cambia la musica nella ripresa e cambia soprattutto passo il Milan sfondando a destra con Pulisic come a sinistra con Leao. Ed è dalla perfetta intesa di questi due, messi sulla rampa di lancio dal tocco felpato di Adli, che prende forma il gol rossonero con servizio del portoghese chiuso dall’americano a colpo sicuro. Solo allora Sarri cambia mezzo centrocampo e mezzo attacco. […] Pioli si regola di conseguenza per dare il cambio a Giroud e Adli, stanchi e spolpati. L’inerzia della sfida resta sempre nella disponibilità del Milan con gli spazi liberati: tocca infatti a Provedel, il portiere, migliore dei suoi, con un paio di prodezze (su Musah prima e Pulisic poi) tenere la Lazio in partita. Qui è merito di Reijnders salito in cattedra da centrale di centrocampo con il sodale Musah che gli fa da assistente puntuale sul fianco destro. Inevitabile l’epilogo del 2 a 0 costruito dal portiere attraverso Theo con palla a Leao che si diverte nel collezionare il secondo assist della serata: il regalo è per Okafor a centro area e lo svizzero non può sbagliare il secondo squillo consecutivo dopo Cagliari”.

ADLI IN MILAN – LAZIO, I QUOTIDIANI DIVERGONO: “LANCI MOLLICCI” O “STANDING OVATION”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

milan lazio ordine pioli

Ultime news

Notizie correlate