Milan, Di Caro: “Stagione negativa, il distacco dall’Inter è umiliante” (ESCLUSIVA)

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il videdirettore de La Gazzetta dello Sport Andrea Di Caro ha dato un giudizio sulla stagione di Milan e Inter in esclusiva ai nostri microfoni

Nel corso della puntata odierna del Radio Rossonera Talk, in onda dal lunedì al giovedì dalle 16:00 alle 17:00, ha parlato con noi in esclusiva il vicedirettore de La Gazzetta dello Sport Andrea Di Caro, esprimendo il suo pensiero sulla stagione del Milan in relazione al distacco dall’Inter, capolista in Serie A e avviata a vincere lo scudetto.

“Cardinale ha voluto dare una scossa”

“Cardinale ha annunciato di voler rivoluzionare il Milan in un momento della stagione un po’ atipico. Di solito, in questa fase con tanti obiettivi ancora aperti, si potrebbero considerare parole un po’ avventate. Magari ha voluto dare un avvertimento, una scossa. Io nel complesso mi trovo d’accordo con lui. Confrontando il campionato di quest’anno del Milan con quello dello scorso anno c’è un +8 alla voce punti in classifica ed è sicuramente un campionato migliore. Resta però inadeguato per quelle che potevano essere le ambizioni del Milan. Non è detto che dovesse vincere lo scudetto, magari l’Inter è più attrezzata e comunque non è facile vincere due scudetti nel giro di tre anni, però sono anche due stagioni in cui i distacchi dalla prima sono abissali. Il problema di Milan e Juventus è chiaramente il campionato dell’Inter, che è una schiacciasassi, ma lo è ancora di più il fatto che lo scorso anno è stato lo stesso con il Napoli”.

“Il distacco è umiliante”

“Sono due anni di fila che due dei club più importanti del nostro campionato finiscono a distanze siderali dalla prima, senza essere mai in lotta per il titolo. Lo scorso anno il Milan chiuse a -20. Quest’anno l’augurio che si può fare a Pioli e alla squadra è di ridurre il distacco, ma in realtà potrebbe anche aumentare per come sta andando la stagione. Non possono essere considerate stagioni positive queste, anche se il Milan dovesse finire secondo. Per me se sei il Milan o la Juventus non puoi partire con l’obiettivo di entrare tra le prime quattro, ma devi lottare per il titolo… o quantomeno non finire a distacchi umilianti dalla prima. Se poi questo distacco umiliante te lo dà la tua rivale cittadina, è chiaro che poi il bilancio prende una forma negativa. È altrettanto chiaro che, se il Milan dovesse riuscire a vincere l’Europa League, allora la stagione viene letta anche in maniera diversa”.

Ultime news

Notizie correlate