Milan, il CorSport vota: Pioli è decimo per “un passo indietro”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Stefano Pioli bastonato dal Corriere dello Sport: il tecnico del Milan è attualmente al decimo posto tra gli allenatori del nostro campionato

Da mesi ormai l’allenatore del Milan è nell’occhio del ciclone: da quando a San Siro non si riproduce piùPioli is on fire” al riscaldamento si è di fatto segnata la fine di un’era storica per i rossoneri, cominciata nell’ottobre 2019 e terminata con la vittoria dello Scudetto a maggio 2022. Da lì in poi qualche critica, diventata sempre più aspra e culminata con il mese di gennaio 2023 e nei 5 derby persi in tutto l’anno solare. Mentre gran parte della stampa ha scelto di prendere (almeno in parte) le difese di Stefano Pioli nel corso di questa stagione, la tifoseria sembra più schierata dall’altro lato. Oggi, il Corriere dello Sport fa una lista dei tecnici in vista dei tanti cambi di panchina per la prossima stagione.

SACCHI SENTENZIA: “PIOLI È CAMBIATO: MILAN, COSÌ È UN GUAIO”

Pioli decimo su 10

Il quotidiano, quando parla della situazione sulla panchina rossonera, lo fa chiaramente: “È all’interno di un fluttuante sbalzo di umori relativi al futuro dell’allenatore, ora il mood sembra più indirizzarsi verso i saluti a fi ne stagione. Ma la situazione non è definita e Zlatan Ibrahimovic avrà sicuramente voce in capitolo. Ma, soprattutto, all’interno di una lista di 10 tecnici che comincia con Simone Inzaghi (1°) al comando, Stefano Pioli chiude all’ultima posizione. I voti vanno dal 9 del nerazzurro e di Thiago Motta all’8 di Allegri e Gasperini, passando al 7.5 di Sarri, però quel che stupisce è il 7 dato a De Rossi, Palladino e Nicola, tutti sopra a Italiano (6.5) e Pioli (6). Alberto Polverosi, autore dell’articolo di approfondimento, scrive: Un passo indietro per Pioli: dopo il capolavoro dello scudetto di due anni fa il livello del Milan si è abbassato.

MILAN, SENTI SPALLETTI: “MI PIACI, SEI CAMALEONTICO” POI IL COMPLIMENTO A PIOLI

Valzer

Peraltro, in apertura si dice così del prossimo valzer delle panchine: “Il quadro rappresenta sicuramente un unicum, giustificato non solo dalle scadenze contrattuali degli allenatori, tutte o quasi concentrate tra quattro (giugno 2024, quindi Italiano, Thiago Motta, De Rossi, Calzona, Nicola, Juric, Palladino) e sedici mesi, volendo arrivare al fatidico giugno 2025, quando da Simone Inzaghi ad Allegri, da Sarri a Pioli, Gilardino, Gasperini, anche questi (salvo ulteriori rinnovi) saranno al rispettivo capolinea“.

Ultime news

Notizie correlate