Milan, Ibrahimovic sotto attacco: “Ovunque tranne dove serve” E scattano i dubbi

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Il quotidiano critica aspramente Ibrahimovic: l’assenza nelle decisioni del Milan e i contenuti troppo autocelebrativi

Il Milan sta vivendo un momento delicato, in molti si interrogano sulla scelta del prossimo allenatore, e sul ruolo effettivo di Zlatan Ibrahimovic. L’ex bomber svedese deve naturalmente ambientarsi e fare esperienza, quello che sorprende è il totale silenzio e l’incertezza che esso ne genera. Domenica Ibrahimovic ha postato su Instagram una foto che lo ritraeva in panchina con la scritta: “4-3-3”. Il quotidiano “Libero” lo ha bacchettato per questa mossa, gli ha rimproverato l’assenza e si è interrogato sulla sua importanza nella scelta dell’allenatore.

L’assenza di Ibrahimovic

Il quotidiano esordisce mettendo in evidenza il silenzio dello svedese: “Zlatan Ibrahimovic non ha ancora proferito parola da quando è dirigente del Milan”. Poi prosegue con la critica per il post: Ibra se ne esce con un contenuto di cazzeggio. Per di più, al solito, autocelebrativo. Se ne poteva fare a meno. Se ne doveva fare a meno. Altri cercano di risolvere il rebus, sapendo che Zlatan in fondo ha sempre comunicato così sui social. E allora pensano: pubblica sé stesso in panchina perché non è d’accordo sulla scelta dell’allenatore? Non è Ibra a decidere l’allenatore? Chi sceglie? Chi comanda nel Milan? Ha scritto 4-3-3 ma Fonseca usa il 4-2-3-1, allora chi sarà il nuovo mister? Dovrebbe considerare anche l’eventuale disagio altrui. È lì per il club, non per sé stesso”. La chiosa di Libero: “Molti milanisti giustamente impazziscono: vedono Ibrahimovic ovunque tranne dove serve, cioè davanti ad un microfono a parlare del Milan”.

Ultime news

Notizie correlate