Milan, Ibrahimovic: “Camarda va protetto, U23 sarà fondamentale”

I più letti

Zlatan Ibrahimovic ha parlato alla conferenza stampa di presentazione della stagione 2024/25 del Milan: Camarda e l’U23 tra i temi trattati

Si è tenuta oggi la conferenza stampa di inizio stagione del Milan, dove a prendere parole è stato Zlatan Ibrahimovic, che ha parlato anche di Camarda e U23. In una lunga chiacchierata con i giornalisti, il Senior Advisor di RedBird ha elogiato il talento classe 2008 della Primavera, ammettendo come però sia necessario proteggerlo e non bruciare le tappe, con la seconda squadra che farà da ponte tra calcio giovanile e professionistico.

Protezione, sviluppo e seconda squadra

Sul numero 9 della Primavera il parere dell’ex attaccante svedese è chiaramente positivo, anche se occorre non fare voli pindarici o bruciare le tappe: “Camarda è più talentuoso a questa età rispetto a me. Per noi è molto importante, è il futuro del Milan ma non ha tutta la responsabilità addosso.” Ibrahimovic spiega anche come non tutto dipenda dal giocatore, ma i compiti del club siano rilevanti: “E’ giovane, tutto sta andando veloce per lui. E la nostra responsabilità è di proteggerlo, farlo crescere e aiutarlo a diventare quello che può diventare. Ha fame e voglia di migliorare, ma non bisogna andare troppo veloce: passo per passo, per arrivare. Può diventare una bandiera, uno di quelli che ha fatto tutte le giovanili.”

Ibrahimovic poi insiste sull’importanza della creazione di una seconda squadra, in grado di alleggerire il passaggio al calcio professionistico: “Il suo fisico è ancora troppo acerbo, per questo serve il progetto U23, per preparare i giovani al calcio degli adulti. Il salto da Primavera e prima squadra è troppo veloce: alcuni pensano di essere arrivati ma non hanno neanche iniziato. Camarda non ha neanche iniziato

Ultime news

Notizie correlate