Milan, rimane l’asterisco su Pioli: Dublino la chance per toglierlo

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Il futuro della panchina del Milan rimane in dubbio, la società non ha deciso: Pioli spera nell’Europa League

Il futuro di Stefano Pioli sulla panchina del Milan rimane in bilico in vista della prossima stagione. Le riflessioni del fondatore di RedBird Capital Partners, Gerry Cardinale, insieme al suo plenipotenziario a Milan, Zlatan Ibrahimovic, continuano e a decidere saranno i risultati, anzi il risultato. Secondo La Gazzetta dello Sport, in questo momento la bilancia pende in negativo visto che pesano sul giudizio su Pioli sia i risultati non soddisfacenti che la questione infortuni. La chance per la conferma passa tutta da L’Europa League. Primo appuntamento fondamentale, l’ottavo di andata di giovedì sera a San Siro contro lo Slavia Praga.

Giudizio sospeso per Pioli al Milan

La Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna ha provato a decifrare la situazione che riguarda la panchina del Milan con Stefano Pioli che rimane aggrappato almeno fino a fine stagione poi si guarderà. La valutazione finale all’allenatore, in perfetto stile USA, sarà dato in base ai risultati e la gestione dei giocatori. La chance più luccicante da mettere sul piatto della bilancia di fronte a Gerry Cardinale e Zlatan Ibrahimovic, è l’eventuale finale di Europa League di Dublino del prossimo 22 maggio.

La bilancia pende in negativo: ecco i fattori

Al momento nelle riflessioni che si stanno facendo dalle parti di via Aldo Rossi non c’è soddisfazione su quanto raggiunto a questo punto della stagione rossonera. Troppi i 13 punti di distacco dall’Inter in Serie A, pesa sul destino di Pioli l‘eliminazione alla fase a gironi di Champions League, che non ha garantito la società dei premi e incassi ulteriori (stadio e marketpool) della fase a eliminazione diretta della Competizione. A questo si aggiunge l’eliminazione prematura dalla Coppa Italia. Non solo i risultati sportivi pesano, anche i troppi infortuni, ben 35 di cui 24 di natura muscolare e molti di questi hanno colpito la difesa del diavolo. Il destino di Pioli passerà però dall’Europa League, che ora attende i rossoneri.

Ultime news

Notizie correlate