Milan Futuro, la Lega B attacca: “Gravissima violazione statuaria”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Nel giorno in cui nasce Milan Futuro, la seocnda squadra rossonera, la Lega B ribadisce con forza il suo dissenso

Oggi è ufficialmente nata Milan Futuro, la seconda squadra rossonera che militerà nel prossimo campionato di Serie C al posto dell’Ancona, che non ha ottenuto il via libera dalla Covisoc. Il Milan Futuro va ad aggiungersi alle due seconde squadre già presenti nella categoria: l’Atalanta U23 e la Juventus Next Gen. Pochi minuti dopo la conferma ufficiale, però, la Lega B ha pubblicato una nota sui propri canali ufficiali ribadendo con forza la sua contrarietà al progetto delle seconde squadre.

“Squilibrio al principio di equa competizione”

Il comunicato: “La Lega B, in merito al punto all’ordine del giorno inerente alle seconde squadre, ha ribadito in Consiglio federale la propria posizione di contrarietà rilevando la permanenza della gravissima violazione statutaria commessa a suo tempo, con l’introduzione della norma, ed evidenziando come l’accesso al campionato della Serie BKT comporti uno squilibrio al principio di equa competizione non potendo esservi promozione, con chiara alterazione dell’integrità del merito sportivo. Su questo secondo punto, sulle dinamiche cioè di alterazione dell’equilibrio competitivo, il presidente Gravina ha comunicato che la Federazione chiederà un approfondimento alla Corte federale. Il presidente Balata ha chiarito come in Europa solo la Spagna abbia un meccanismo analogo che però si colloca in un sistema alquanto diverso dal nostro, con le difficoltà di attuazione del sistema delle seconde squadre che stanno emergendo in tutta la loro illogicità ed evidenza”.

Ultime news

Notizie correlate