Milan, Criscitiello: “Fonseca stona, Cardinale non ha ancora capito una cosa”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Michele Criscitiello è tornato a parlare di Paulo Fonseca e della scelta del Milan, rivolgendosi direttamente alla proprietà americana

Dopo le voci dell’ultimo mese è arrivata la comunicazione ufficiale (sia sul portale online del club che con le parole di Zlatan Ibrahimovic nella conferenza stampa di preparazione della stagione) nella giornata di giovedì scorso: Paulo Fonseca sarà il nuovo allenatore del Milan nella prossima stagione. In un editoriale sul portale web di Sportitalia, il direttore dell’emittente Michele Criscitiello è tornato nel merito della scelta del club, contestando alla proprietà rossonera la mancanza di ambizione.

Ambizione e una scelta che “stona”

Per Criscitiello, Paulo Fonsecaè un buon allenatore ma da immaginarlo alla Fiorentina o alla Lazio“, un allenatore che “stonacon i colori rossoneri perché “la reputazione di un Mister è importante quanto la sua qualità tecnico tattica“. Per questo motivo, il giornalista chiede di “uscire dall’inganno” e si pone una domanda: “Il Milan va considerato il vero Milan o una squadra sperimentale che prende allenatori da rilanciare e calciatori da valorizzare?“.

Il focus passa quindi sulla società: per Criscitiello, “Cardinale deve capire che ha in mano il Milan” e “alzare l’asticella dell’ambizione“, una squadra che dovrebbe “lottare per vincere lo scudetto e per provare ad arrivare in finale di Champions“. E il giornalista non crede che questi obiettivi siano raggiungibili con Paulo Fonseca in panchina.

Ultime news

Notizie correlate