“Scempio reciproco, consueto VAR”: il Milan-Fiorentina di Currò