Jacobelli: “Milan-Fiorentina, serrare i ranghi. A Lecce un colpevole”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il giornalista Xavier Jacobelli è intervenuto oggi per parlare del momento del Milan, della sconfitta di Lecce e del prossimo impegno contro la Fiorentina

La sfida di Serie A tra Lecce e Milan ha portato con sé molti strascichi. Sicuramente è un pareggio amaro per i rossoneri, che in vantaggio di due gol si sono fatti rimontare rischiando addirittura la sconfitta nel finale. Preoccupante l’atteggiamento degli uomini di Pioli nel secondo tempo, con il Lecce che è salito di colpi e ha messo sotto nettamente un Milan che aveva dominato nei primi 45 minuti di gioco. Questo ennesimo passo falso ha concluso nel peggiore dei modi un “blocco” di partite (da sosta a sosta) in cui i rossoneri hanno raccolto solo 2 punti su 12 in Serie A e in generale hanno ottenuto una sola vittoria in 6 gare. Il giornalista Xavier Jacobelli è intervenuto oggi ai microfoni di TMWRadio, commentando il momento del Milan alla luce dell’ultima sfida contro il lecce e della prossima contro la Fiorentina.

FIORENTINA, BONAVENTURA: “AL MILAN STAVO BENE, MA NON RIUSCIVO AD ESPRIMERMI COME ORA”

“La priorità del Milan è la qualificazione in Champions League”

Il commento di Jacobelli: “Il Milan a Lecce ha pagato l’enorme sforzo psicologico contro il Paris Saint-Germain in Champions League. La stanchezza è la colpevole. Sicuramente gli infortuni non aiutano, la sosta da questo punto di vista arriva nel momento ideale. Vedremo come tornerà il Milan dopo la sosta, sarà atteso da una sfida importante il 25 novembre contro la Fiorentina. Il Milan dovrà serrare i ranghi, recuperare gli infortunati come Loftus-Cheek che ha fatto la differenza contro il PSG. Mettere in discussione però Pioli mi sembra una forzatura, in quattro anni ha riportato il Milan ad alti livelli e ricordiamo che la priorità stagionale dei rossoneri è la qualificazione in Champions League“.

MILAN-FIORENTINA, PAZZA IDEA CAMARDA? LA LINEA DEL CLUB

Gli assenti in casa Milan per la sfida contro la Fiorentina

Il Milan si trova in una situazione di totale emergenza da un punto di vista degli infortuni. Sono 8 i giocatori ai box per infortunio in questo momento e solamete in due potrebbero recuperare. I due possibili ritorno sono quelli di Simon Kjaer, vittima di un affaticamente muscolare, e Calabria, sostituito all’intervallo a Lecce. Saranno certamente assenti, invece, gli altri 6. Mancheranno i lungodegenti Bennacer, Pellegrino e Kalulu. Saranno assenti anche Caldara, Sportiello e, soprattutto Rafael Leao. I problemi, però, non finiscono qui. Oltre al portoghese mancherà anche il secondo uomo più decisivo del Milan e attuale capocannoniere stagionale dei rossoneri: Olivier Giroud. Il centravanti francese, dopo il rosso diretto rimediato per proteste a Lecce, lo terrà fuori per due giornate. Salterà dunque Fiorentina e Frosinone.

MILAN-FIORENTINA, QUANTI ASSENTI! E ATTENZIONE AI DIFFIDATI…

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate