Milan, F. Galli: “Lopetegui, Sì per due motivi. E che biglietto da visita”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Filippo Galli ha parlato di Julen Lopetegui, primo candidato a sostituire Pioli sulla panchina del Milan

Giunta ai titoli di coda l’avventura di Stefano Pioli sulla panchina del Milan, secondo i rumors è Julen Lopetegui il favorito a prenderne il posto. In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, Filippo Galli ha parlato proprio del tecnico spagnolo e dei suoi pregi.

Le parole di Filippo Galli

L’ex difensore rossonero apre con una battuta: “se diventerà il prossimo allenatore del Milan, si presenterà con un Europa League vinta dopo aver battuto l’Inter in finale. Come biglietto da visita non è male…“. All’esperienza positiva sulla panchina del Siviglia però, ne hanno fatto seguito due non altrettanto ricche di soddisfazioni prima al Real Madrid e poi al Porto. Sul fatto che sia o meno l’uomo giusto per il Diavolo, Galli risponde: “Questo lo dirà il campo. E’ vero, al Madrid e al Porto le cose per lui non sono andate bene, però da c.t. della Spagna ha ottenuto grandi risultati, proponendo un calcio spettacolare, e a Siviglia ha vinto. Se il Milan cerca un tecnico con esperienza e capacità di lavorare con i giovani, Lopetegui può essere un profilo interessante“.

Ultime news

Notizie correlate