Milan, con l’Empoli “vietato fallire”: il Corriere spiega i motivi economici

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Milan e Juventus si sfidano per il secondo posto in Serie A contro Empoli e Atalanta: in palio non c’è solo il prestigio

Nonostante il treno scudetto abbia già lasciato la stazione di Milan e Juventus da un po’ in direzione Inter, rossoneri e bianconeri si stanno giocando il secondo posto in campionato, oggi rispettivamente contro Empoli e Atalanta. Per il Corriere della Sera, l’eventuale secondo posto in Serie A per il Milan non vorrebbe dire soltanto prestigio: ecco perché il match contro l’Empoli assume una grande importanza.

“Vietato fallire”… anche per il futuro

Il Corriere della Sera presenta così la sfida di oggi contro i toscani, mettendola sullo stesso piano di quella tra Juventus e Atalanta che inizierà poche ore dopo: “Per il Milan oggi alle 15 a San Siro con l’Empoli è vietato fallire. Servono tre punti per balzare al secondo posto, sorpassando la Juventus che tre ore più tardi, alle 18, se la dovrà vedere con l’Atalanta. L’occasione è ghiotta, perché lo scarto fra rossoneri e bianconeri è minimo: un punto solo“.

Ma per il quotidiano, arrivare secondi in Serie A non ha solo una valenza a livello di prestigio. Questo perché “in ballo, oltre alla gloria, ci sono anche i soldi: il secondo posto finale in serie A vale l’accesso alla Supercoppa finanziata dall’Arabia Saudita, col suo ricco montepremi da 24 milioni di euro“.

In realtà, non tutti e 24 i milioni finiscono chiaramente nelle casse di chi vince la competizione o di chi vi partecipa. Del montepremi totale, la Lega Serie A trattiene circa 7 milioni. I restanti 17, nell’edizione di gennaio vinta dall’Inter, sono stati divisi in questo modo: quasi 2 milioni per le squadre che hanno perso in semifinale, 5 milioni per la finalista e 8 per la vincitrice.

Ultime news

Notizie correlate