Milan-Empoli, Pioli in conferenza: “Su due punti non transigo, non commento Spalletti…”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

L’allenatore del Milan, Stefano Pioli, ha presentato in conferenza la sfida di domani contro l’Empoli, spazio anche a Spalletti.

Qual è il livello di tensione della squadra?

“Determinante rimanere in tensione: le partite si vincono prima con gli atteggiamenti, la determinazione e poi con la qualità. Dobbiamo essere umili: il campionato è importante per noi e dobbiamo approfittare di questo turno casalingo”.

Come state vivendo le notizie su Berlusconi?

“Siamo tutti preoccupati, ma non abbiamo notizie così precise chiaramente”.

Come pensare solo a domani?

“Dobbiamo stare sul pezzo. Abbiamo fatto una vittoria importante a Napoli, ma ci deve servire per giocare a quel livello lì sempre. Bisogna pensare solo a domani”.

Schiererà la migliore formazione?

“La formazione sarà la migliore possibile secondo le mie idee. Poi si giocano tante partite, quindi sicuramente qualche cambiamento ci sarà”.

Leao ha detto che quella a sinistra è la sua posizione preferita…

“Io non accontento un solo giocatore. Rafa a me aveva detto esattamente una cosa contraria, ma è importante che sia felice e che giochi col sorriso; non deve essere preoccupato e ansioso. Ha passato un periodo difficile come la squadra”.

C’è un problema razzismo nel calcio italiano?

“Non lo so. Ho tanti amici che vanno allo stadio con rispetto, ma mi dispiace moltissimo perché il calcio e lo sport vanno vissuti con spirito diverso”.

Brahim ci sarà?

“Ha fatto due allenamenti a parte, ma è a disposizione poi farò io le mie scelte”.

Era arrabbiato con Leao, prima di Napoli, per aver sbagliato alcune scelte?

“Mi arrabbiavo di più quando non faceva certi movimenti. Non sempre Rafa lega benissimo il gioco con gli altri. A Napoli lo ha fatto molto bene”.

Avete problemi con le squadre più chiuse?

“Attenzione e qualità del gioco. Poi con squadre più chiuse abbiamo avuto difficoltà, ma ci abbiamo lavorato e mi aspetto miglioramenti”.

Spalletti ha detto che il Milan ha vinto perché aveva timore di perdere

“Non devo commentare le parole di Spalletti, sarebbe un errore pensare al Napoli”

Confermerà i tre a centrocampo?

“Pensiamo di partita in partita. I tre centrocampisti a Napoli hanno fatto un’ottima partita”.

Aumentano i rimpianti per la corsa Scudetto?

“Non aumenta niente. I giudizi si fanno alla fine, a fine campionato e spero oltre per la Champions. Dobbiamo fare bene questi due mesi”.

Bene a Napoli Saelemaekers e Bennacer…

“Sta bene. È un giocatore imprevedibile, ha caratteristiche importanti. Le scelte le farò domani mattina. Bennacer è un centrocampista completo: può costruire dal basso, può aggredire più alto, sa tirare. Vedremo le scelte di domani”.

Non si deve sbagliare con le piccole

“È quello che abbiamo preparato. Noi dobbiamo affrontare le 10 gare che rimangano come se fosse da dentro o fuori: dobbiamo dare il massimo”.

De Ketelaere può avere spazio a destra?

“Charles ha caratteristiche per svariare sia dal centro che dalla destra. Non è un cambiamento che gli può creare difficoltà”.

Che ne pensa della questione stadio?

“San Siro ha fatto la storia del calcio italiano e del Milan. Ma non possiamo rimanere ancorati al passato se vogliamo migliorare il nostro futuro. All’estero sono migliorate le situazioni perché hanno affrontato queste dinamiche con tempismo e modernità”.

ULTIME NOTIZIE MILAN – SPALLETTI: “NOI E IL MILAN AVEVAMO MOTIVAZIONI DIVERSE, NE ABBIAMO PARLATO…”

Rebic e Origi un po’ nel buio?

“Non la penso così. Rebic e Origi sono di ottimo livello. Non hanno avuto, anche per mie scelte, la continuità, ma hanno la mia grande considerazione e su di loro con tanto”.

Che ne pensa di Baldanzi?

“L’Empoli gioca da tanti anni un certo tipo di calcio con un rombo: è veloce, rapida, tecnica, prende buone posizioni in campo e ci faranno correte tanto e bene. Baldanzi è un giovane di prospettiva”.

Cosa serve al Milan per ripetersi?

“Servono due caratteristiche immancabili: qualità del gioco nel controllo della partita e della palla e l’atteggiamento difensivo dei singoli giocatori con la pressione sugli avversari”.

C’è un asso per domani?

“Il mio modo di lavorare è quello di preparare ogni singola partita, smettendo di pensare alla partita precedente molto velocemente: ogni avversario fa storia a sé e anche le nostre partite fanno storia a sé. Per domani abbiamo preparato alcune posizioni”.

Più testa o più calcio?

“Testa e calcio. Entrambe le cose”.

Come si fa a non pensare alla partita col Napoli?

“Si fa perché l’obiettivo in campionato è molto importante e perché se no la vittoria di Napoli non servirebbe a niente”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Stefano Pioli conferenza
Photocredits: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate