Ordine dopo Milan-Empoli: “6 politico, ma tormenti inadatti al rango”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Complimenti e critiche nel commendo di Franco Ordine dopo Milan-Empoli: la squadra di Pioli risica la sufficienza ma qualcosa non convince

E’ un “Diavolo dal corto muso” quello descritto da Franco Ordine sulle colonne de Il Giornale questa mattina: il Milan vince con l’Empoli, sorpassa la Juventus ma non va oltre il “6 politico“. Il commento del giornalista si concentra sulla prova nel complesso dei rossoneri, dal guizzo del gol a un “finale pasticciato“: le parole di Ordine dopo Milan-Empoli.

“6 politico” e “tormenti inadatti al suo rango”

Promosso, sì, ma “col 6 politico, come ai tempi della contestazione del ’68, il Milan dei tanti, indispensabili, ricambi“. Per il giornalista, “per domare l’Empoli di ieri, meno combattivo di altre recenti esibizioni targate Nicola, c’è bisogno del solito guizzo di uno dei suoi titolarissimi, Pulisic, messo davanti alla porta dallo scatto di Okafor, uno dei pochi a raggiungere la sufficienza piena e a meritarsi qualche lode“.

Chiudendo, Ordine ha anche criticato la prestazione corale dei rossoneri, giustificandola in qualche modo con l’Europa League: “Così il Milan sale in classifica al secondo posto a quota 59 punti con il sorpasso alla Juventus, tradendo però tormenti inadatti al suo rango e alla sua posizione, specie nel finale pieno di giocate pasticciate, di qualche stanchezza dovuta al giovedì europeo“.

Ultime news

Notizie correlate