Inchiesta Milan, A. Giudice e il parallelo col CdA dell’Inter: “Oaktree come Elliott”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

All’accusa sulla composizione del CdA del Milan tra Elliott e RedBird, Alessandro Giudice traccia un parallelo con l’Inter e il fondo Oaktree

Dopo aver espresso i suoi tre principali dubbi riguardo l’inchiesta della Procura di Milano sul passaggio di proprietà del Milan da Elliott a RedBird, Alessandro Giudice ha tracciato un parallelismo con la situazione in casa Inter e con il fondo Oaktree. Tra le accuse mosse nei confronti del club di via Aldo Rossi c’è anche quella di aver mantenuto alcuni uomini di Elliott nel CdA della nuova società targata RedBird, cosa che per la Procura fa pensare ad un influenza ancora importante del fondo della famiglia Singer nel Milan di Cardinale: la stessa cosa, chiarisce il giornalista, ha fatto l’Inter con il fondo Oaktree. Ma andiamo nel dettaglio.

Il parallelo Elliott-Oaktree

Per il giornalista esperto di temi finanziari in ambito sportivo, “la presenza di uomini Elliott nel CdA del Milan non deve stupire alla luce del vendor loan“. Questo perché “è normale che un creditore si tuteli con patti parasociali e si riservi pure, in molti casi, il diritto di consultazione o addirittura di veto su specifiche questioni“. La specifica arriva comunque, anche se “non si sa neppure se questo sia il caso del Milan“.

Oltre alla specifica arriva anche il parallelo, un parallelo “geograficamente vicino“: quello con la situazione dell’Inter. Giudice scrive che “quando Oaktree erogò il prestito a Zhang nominò due consiglieri di fiducia nel CdA dell’Inter“. Non solo, perché oltre a ciò il fondo di Los Angeles ha ottenuto “la modifica dello statuto per incorporarvi elementi di maggiore protezione delle minoranze“… “senza che nessuno abbia mai adombrato una situazione di controllo di fatto“, chiude l’esperto.

Ultime news

Notizie correlate