Milan, Ordine: “Pregiudizio su Conte, quello che si pensa non è vero”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Franco Ordine ha smontato l’idea secondo la quale il Milan non punterebbe su Antonio Conte per richieste di ingaggio e giocatori

Anche Franco Ordine ha commentato il caldo weekend di casa Milan, tra le indiscrezioni su Lopetegui come prossimo allenatore e la sommossa popolare dei tifosi, che chiedono a gran voce l’ingaggio di Antonio Conte. Sulle colonne de Il Giornale, il giornalista ha spiegato perché l’incompatibilità tra il Milan e Antonio Conte che alcune fonti rivelano essere il motivo che rende impossibile trattativa è in realtà una convinzione falsa.

Il pensiero del giornalista

Per Ordine, “l’incompatibilità calcistica con le idee e la filosofia di Antonio Conte è figlia di uno strumentale pregiudizio alimentato, per certi versi, anche da una narrazione ostile“. Il riferimento del giornalista è a quello che è stato l’allenatore salentino in passato, tra le alte richieste a livello di ingaggio e di qualità dei calciatori. Ma non solo. Anche “quello secondo cui al primo mancato risultato rivolgerebbe al club la responsabilità mentre si iscriverebbe soltanto i meriti in caso di successo” è un luogo comune. Un luogo comune “smentito dallo stesso interessato che qualche tempo fa ha riferito a un amico la sua autentica linea guida e il suo bisogno di emozionarsi“. Conte, chiude Ordine, “non chiede né contratti faraonici né acquisti costosi“.

Ultime news

Notizie correlate