Longari: “Ecco perché il Milan segue Conceicao… coi dubbi non dissolti”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Perché il Milan segue Sergio Conceicao per la panchina del futuro? Come stanno le cose? Che ruolo ha Mendes? Longari risponde

In un editoriale sul portale web dell’emittente Sportitalia, dopo aver parlato in maniera approfondita della situazione Antonio Conte, il giornalista Gianluigi Longari ha spiegato perché il Milan segue Conceicao per il ruolo di prossimo allenatore, tra vecchi e nuovi incontri con Villas Boas e il ruolo di Jorge Mendes.

Perché il Milan ha messo gli occhi su Conceicao

Secondo quanto ricostruito dal giornalista, “l’idea Sergio Conceicao vede la luce negli ultimi giorni del mese passato, quando Villas Boas vince le elezioni come nuovo Presidente del Porto“. A muovere i fili del discorso è stato l’agente dell’allenatore, il potentissimo Jorge Mendes. Il Milan, scrive Longari, “memorizza la proposta dell’agente portoghese, la apprezza e la valuta, con la remora del rischio che comporterebbe legare l’approdo di un allenatore ad uno dei procuratori più influenti del mondo calcistico“.

Nuovo incontro

Oltre a quello che c’è stato ieri mattina, il giornalista riporta che nelle prossime ore Villas Boas e Conceicao avranno un altro incontro, questa volta per parlare di contratto e di rapporti. Longari ha sottolineato che “un minimo di cautela va di conseguenza mantenuta nell’analizzare una situazione che potrebbe essere suscettibile di variazioni, in un senso o nell’altro, compreso quello di una sua permanenza e con i dubbi del Milan che non si sono affatto dissolti“.

Ultime news

Notizie correlate