Milan, Conceicao e la clausola di risoluzione col Porto: i dettagli

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Emergono alcuni dettagli in merito alla clausola di addio di Sergio Conceicao col Porto, qualora dovesse diventare allenatore del Milan

Negli ultimi giorni, il profilo di Sergio Conceicao sembra essere il nome in cima alla lista della dirigenza del Milan come prossimo tecnico. L’allenatore lusitano ha da poco esteso il suo contratto con il Porto, ma tale accordo presenta una possibilità di risoluzione proprio in suo favore.

Il punto sulla clausola di addio

Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo portoghese Record, è noto ormai come nel contratto rinnovato da Conceicao fino al 2028 sotto la presidenza di Pinto da Costa sia in vigore una clausola che consenta al tecnico di risolvere l’accordo in caso di cambiamenti alla guida del club. Tale decisione, inoltre, non prevederebbe nè una buonuscita corrisposta da parte della società nè una multa per Conceicao stesso. Notizie più chiare sul futuro dell’allenatore arriveranno soilamente dopo la finale di Coppa di Portogallo contro lo Sporting Lisbona del 26 maggio, quando avverrà un altro incontro col nuovo Presidente André Villas-Boas.

Ultime news

Notizie correlate