Milan, chi è Adam Bakoune: il terzino che ha convinto Pioli

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il Milan potrà contare su Adam Bakoune per il futuro? Presto per dirlo, ma nel frattempo il giovane ragazzo della Primavera di Ignazio Abate a Stefano Pioli piace, e tanto. Sull’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, si legge una scheda atta a descrivere qualità e storia del terzino.

Bakoune è un esterno basso destro di origini marocchine nato in Italia sedici anni fa. Uno che quest’anno ha giocato così bene che Pioli l’ha portato a Dubai, nel mini ritiro prima della ripresa del campionato, il 4 gennaio contro la Salernitana. Insieme a lui una sfilza di giovani come Alesi, Bozzolan, El Hilali, Jungdal e Simic.

LEGGI QUI ANCHE – L’INTERMEDIARIO DI GIROUD: “INZAGHI LO VOLEVA AD OGNI COSTO, PARATICI PREFERI’ MORATA”

Adam è un esterno basso a tutta fascia con 17 presenze e due assist in stagione, titolarissimo della Primavera di Ignazio Abate. Come scrive la rosea, è nato il 6 febbraio 2006 e nel curriculum vanta anche un paio di presenze con l’Italia Under 18. Una di queste contro la Francia. Curiosità: tra le fila dei Bleus c’erano Ayman Aiki, un gol in Ligue 1 in sette partite, il talentino del Psg Warren Zaïre-Emery e Elyaz Zidane, uno dei figli di Zizou, terzino sinistro delle giovanili del Real. Bakoune era sulla stessa fascia, ha giocato un’ora e poi è stato sostituito. La Francia ha vinto 3-0. Una settimana fa ha giocato dal 1’ contro il Lumezzane. Eletu e Alesi, compagni in Primavera, si sono presi la scena con due gol, ma Adam ha arato la fascia dal primo all’ultimo minuto. Così ha convinto Pioli.

Poi, La Gazzetta dello Sport parla delle sue migliori qualità. Su YouTube c’è un video con tutte le sue giocate. Adam ha uno stile simile a Theo. Testa alta, tagli verso il centro, recuperi veloci e scarico sulle punte. Preferisce correre con il pallone verso la porta, invece che sul fondo. Quest’anno ha sfornato due assist contro Cesena e Roma, mentre l’anno scorso ha perso la finale scudetto Under 16 contro i giallorossi (90’ in finale). In panchina c’era Abate, da sempre suo estimatore. E infatti l’ha confermato subito. Tra i due c’è feeling: “È un grandissimo allenatore, trasmette grinta e ci permette di dare il massimo”. Fin qui ha saltato solamente la sfida d’esordio contro il Frosinone, poi sempre titolare. In campionato solo capitan Coubis ha giocato più di lui, 1080 minuti contro i 967. Pioli lo valuterà da vicino a Dubai. Step by step.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate