Milan, Cardinale fiducioso: “Giocatori forti e giovani, abbiamo spazio per crescere”

I più letti

Il proprietario del Milan Gerry Cardinale ha parlato a Bloomberg del suo rapporto con la squadra e del suo approccio con essa

Durante il podcast “The Deal” di Bloomberg, il proprietario di RedBird nonché azionista di maggioranza del Milan, Gerry Cardinale, ha voluto anche esprimersi sul suo rapporto con la squadra. Appena subentrato a Elliot, il patron ha voluto mantenere un approccio distaccato, limitandosi ad osservare, cosa che non è del tutto cambiata successivamente.

Un approccio diverso dal solito

Il patron del Milan Gerry cardinale ha parlato al podcast “The Deal” di Bloomberg. Tra le varie dichiarazioni si è soffermato anche sul suo approccio con la squadra e sull’evoluzione dello stesso, ammettendo di non voler essere troppo invadente: “Ovviamente, le prestazioni aiutano. Siamo arrivati alle semifinali di Champions League. Quando sono subentrato, è stata una sfida perché avevano appena vinto lo scudetto. Quindi, in realtà, ho adottato un approccio diverso da quello che faccio di solito: per il primo anno non ho fatto nulla. Davvero, mi sono limitato a guardare.” Cardinale spiega come nonostante abbia poi deciso di intervenire maggiormente in prima persona, abbia capito una cosa: “Ma ti dirò che la cosa migliore che puoi fare è non entrare in campo con le armi spianate“.

Sui giocatori e sulla differenze di rapporto rispetto agli Stati Uniti, aggiunge Cardinale: “In Italia è diverso, hai contatti continui con la direzione sportiva e con i giocatori stessi“. Poi non manca di elogiare gli stessi: “Abbiamo il capitano della nazionale americana Christian Pulisic e altri grandi giocatori. L’età media è 23 anni, quindi abbiamo spazio per crescere“.

Ultime news

Notizie correlate