Milan, Cardinale assume Scaroni in RedBird: cosa c’è nel futuro?

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Nonostante le dichiarazioni apparentemente contrastanti, si rafforza il legame tra Gerry Cardinale e Paolo Scaroni: non solo Milan

Dopo un weekend e un inizio di settimana particolarmente acceso per il Milan, due delle figure più chiacchierate da tifosi e addetti ai lavori tornano a far parlare di sé: Gerry Cardinale, secondo il Financial Times, avrebbe assunto Paolo Scaroni in RedBird Capital Partners. La notizia confermerebbe il consolidamento del legame tra il n1 del fondo di investimenti americano e il presidente del Milan, poche ore dopo le dichiarazioni contrastanti che hanno fatto storcere il naso ai tifosi.

Scaroni e Cardinale, non solo Milan

A riportarlo è questa mattina la Gazzetta dello Sport nella sua edizione cartacea. Paolo Scaroni, presidente del Milan dal 21 luglio 2018, è stato nominato di recente da Gerry Cardinale “responsabile del business internazionale” di RedBird Capital Partners, il fondo di investimenti americano proprietario del club. Per la rosea è un chiaro segno di rafforzamento del legame tra i due, che lavoreranno insieme anche su altre questioni oltre ad occuparsi delle “cose” del Milan, visto e considerato che, chiude il quotidiano, Scaroni rimarrà presidente.

MILAN, CARDINALE SVELA I PIANI DEL FUTURO: “VINCERE SMART”, NUOVO STADIO E MEDIO ORIENTE

“Un di più”

Nel prepartita di Monza-Milan, Paolo Scaroni si era presentato ai microfoni di DAZN per parlare del momento del Milan, tra situazione nuovo stadio e obiettivi stagionali. Le sue parole non sono state ben recepite dai tifosi rossoneri, che hanno manifestato nella giornata di ieri tutta la loro frustrazione sui social e non solo. Di seguito, alcune delle dichiarazioni del presidente del Milan:

Il nostro obiettivo quest’anno è qualificarci in Champions League, poi per la prossima stagione vedremo cosa vorremo fare. Lotteremo fino all’ultimo per ottenere il miglior piazzamento, ma vincere lo scudetto sarebbe un di più“.

Dichiarazioni che, tra l’altro, si discostano in parte da quanto dichiarato dallo stesso Cardinale, intervistato domenica mattina dal Corriere dello Sport:

L’obiettivo è quello di essere tutti gli anni tra le squadre che competono per gli obiettivi più importanti a livello sportivo, scudetto e Champions League: “Non serve vincere uno scudetto (o una coppa) e sparire dai vertici l’anno successivo, bisogna restarci in modo consistente, la vittoria frequente, regolare, ma soprattutto la presenza stabile nella élite che può vincere ha effetti benefici“.

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate