Milan, Ibrahimovic lancia Camarda: “Non sarà facile, entrerò in campo per difenderlo”

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Ibrahimovic ha spiegato le intenzioni del Milan nella gestione di Camarda, tra prima squadra e Milan Futuro: alla fine una battuta

Zlatan Ibrahimovic non è mai banale quando parla e questa volta si è espresso sul talento del Milan Francesco Camarda. Lo svedese ha presentato in conferenza stampa insieme a Daniele Bonera il progetto Milan Futuro: la U23 del Diavolo che parteciperà alla Serie C la prossima stagione. Tanti spunti interessanti, per poi concentrarsi su Camarda: l’attaccante classe 2008 ha di recente firmato il primo contratto da professionista che lo legherà al Milan fino al 2027. Ibrahimovic è pronto a tutto per lui.

La gestione di Camarda

Zlatan Ibrahimovic ha spiegato la strategia che hanno in mente per la crescita di Camarda:

“Per lui tutto questo sarà molto importante. Tutti pensano che sarà facile, ma non sarà così. Farà fatica, ma siamo qua per proteggerlo, bisogna dargli il tempo di crescere passo per passo, dobbiamo prepararlo per la prima squadra. Lui deve fare tutto per entrare in prima squadra, se fosse pronto adesso sarebbe Francesco il numero 9 della prima squadra. L’idea è quella di preparargli la strada. In C sarà dura, i difensori sono cattivi e vorranno dimostrare che lui lì non c’entra nulla. Poi, se sarà il caso, entrerò io in campo per difenderlo… Bisogna farlo diventare uomo perché è ancora bambino”.

Ultime news

Notizie correlate