Milan-Cagliari, Ranieri: “Così possiamo portare a casa il risultato”

I più letti

Milan-Cagliari si avvicina, queste le parole di mister Claudio Ranieri prima del match di San Siro in programma sabato alle 21:00

Milan-Cagliari valida per la 36^ giornata di Serie A andrà in scena sabato alle 21 e sarà arbitrata dall’arbitro Sozza.  Le consuete parole dei tecnici in conferenza. Pochi minuti fa si è conclusa quella di Claudio Ranieri, contro il Milan sarà l’occasione per il suo Cagliari di ottenere punti fondamentali per la salvezza.Inizia analizzando il momento di forma della squadra sia dal punto di vista fisico che psicologico: “I ragazzi stano bene. Sappiamo che ci giochiamo la Serie A in queste ultime tre partite. Quindi gioco forza dobbiamo star bene, anche chi non sta al 100% lo deve stare. È una componete mentale importante quella di sapere che ci giochiamo un’intera stagione. Come dico sempre tre mesi fa avremmo firmato per stare da questa parte e non sotto, per cui sta a noi. Abbiamo tre partite difficili ma siamo pronti”. Un giornalista gli ricorda che ha detto più volte: “Se ci salveremo lo faremo all’ultimo secondo dell’ultima partita”, chiedendo quanta voglia c’è di evitare il patema d’animo: “C’è tutta la voglia, però come noi stanno anche tutte le altre. Dobbiamo considerare tutti, tutti gli aspetti. Noi stiamo bene e anche gli altri. Noi ci giocheremo tutto fino in fondo”.

Continua

Si può considerare questo turno decisivo, considerando anche le partite delle altre concorrenti e anche le prossime partite? Pronta la risposta del tecnico: “Io non credo che sia decisivo. Credo che l’ultima partita sarà decisiva e mi auguro che la Lega metta tutte quante le gare allo stesso orario. Non come ha fatto in questa giornata”. Ranieri no crede che sia tornata la para dei primi mesi in queste due gare contro Genoa e Lecce, evidenzia l’ottimo approccio contro i salentini e poi conclude: “Abbiamo avuto tanta paura ma l’abbiamo sempre girata a nostro favore con energia, voglia di fare e spirito di sacrificio da parte di tutti i ragazzi”. Ora tocca al Milan: “Il Milan è una grandissima squadra, non devo scoprirlo io. Ha talmente tanti campioni che ognuno può risolvere la gara. Poi sono la squadra che ha fatto più gol su calcio d’angolo o sui sugli sviluppi. Sappiamo tutto questo, dobbiamo stare sempre vigili, con gli occhi aperti e fare una partita eccelsa se vogliamo uscire fuori con il risultato”.

I pro e contro di affrontare il Milan, poi sul suo Cagliari

Prima un’analisi sul periodo della Serie A: “Le partite sono aperte fino all’ultimo minuto. Anzi negli ultimi 15 minuti ci sono più cambi di scenari. Per cui non riguarda solo noi. Io voglio andare in vantaggio, poi Dio vedrà e provvederà”. Fiducia sul recupero di Mina, diventato uno dei leader dei sardi, poi evidenzia il buon numero di gol realizzati, ma la poco attenzione in fase difensiva: “Abbiamo subito troppi gol”. I pro e i contro di affrontare il Milan che è non è nel suo momento migliore, con una classifica standardizzata, con tutti i problemi dall’allenatore che la piazza non vuole più e uno dei leader Leao che è stato fischiato nell’ultima partita: “Lo possiamo sapere solo dopo la fine della partita. Non si possono fare previsioni proprio per la bontà del parco giocatori del Milan. Se non gioca uno gioca un altro che se non è dello stesso livello, poco ci manca. Quello che dobbiamo fare noi è fare bene il nostro compito tattico di qualità di determinazione e di aiuto reciproco”.

Ultime news

Notizie correlate