ESCLUSIVA, Hüber (BILD): “Milan-Dortmund, l’ho vista così! Col PSG occhio perché…”

I più letti

Come hanno visto in Germania la vittoria del Borussia Dortmund in casa del Milan? Lo abbiamo chiesto a un giornalista della BILD

Dopo aver riacciuffato la partita, nella seconda metà del secondo tempo il Milan si è sciolto ieri sera a San Siro contro il Borussia Dortmund, finendo per perdere 1-3 una partita che poteva mettersi su ben altri binari. Di quello che è successo ieri sera abbiamo parlato con Yannick Hüber, giornalista della BILD che ieri sera era in tribuna stampa a seguire il match che ha probabilmente condannato i rossoneri all’eliminazione dalla Champions League. Il Milan deve ora sperare infatti (oltre che di vincere col Newcastle) in un successo del Borussia Dortmund contro il PSG nell’ultima giornata del girone F.

Fattori determinanti, San Siro e il PSG

Le nostre tre domande e le tre risposte di Yannick Hüber, giornalista della BILD, dopo il match tra Milan e Borussia Dortmund:

MILAN- BORUSSIA DORTMUND 1-3, LE PAGELLE SUI GIORNALI: MAZZATA GIROUD, GRAZIATI IN 3

Ieri il Borussia Dortmund ha disputato una grande partita a San Siro. Cosa pensi sia stato il fattore determinante per la vittoria? “Penso che il primo fattore che ha indirizzato la partita sia stato il rigore fallito dal Milan. Nelle ultime settimane, il Dortmund ha avuto grandi problemi nell’approccio, ha fatto fatica ha iniziare bene le partite. Spesso ha avuto bisogno di subire un gol o una situazione di campo sfavorevole per entrare mentalmente nella partita. Poi il Dortmund è tornato finalmente ad avere a disposizione un giocatore che può fare la differenza: Jamie Bynoe-Gittens. E’ il talento più grande in casa BVB in questo momento, anche se finora non è stato sempre titolare. Ogni situazione pericolosa del Borussia Dortmund è stata creata da Bynoe-Gittens. Ma il giocatore chiave della partita per me è stato Mats Hummels, ha sfoderato una prestazione incredibile”.

Nei giorni precedenti alla partita si è parlato molto dei tifosi delle due squadre, del “Muro Giallo” e di San Siro. Nelle ultime partite però, San Siro è sembrato un po’ spento: qual è stata la tua impressione da osservatore esterno? “E’ stata la mia prima volta a San Siro e sono rimasto molto impressionato: non dovrebbero demolire questo tempio del calcio! Non so cosa sia successo prima di questa partita, ma la mia impressione è stata che l’atmosfera e la coreografia all’inizio della partita fosse frizzante e molto rumorosa. Ho fatto fatica a parlare con i miei colleghi in Germania al telefono… In Germania, “Sarà Perché Ti Amo” viene ora spesso suonata nei club o nei festival: tantissimi tedeschi sognano di poterla sentire dal vivo proprio a San Siro”.

ESCLUSIVA, GALLI: “MILAN, COPERTA TROPPO CORTA! COL DORTMUND SONO MANCATI…”

Tra due settimane ci sarà una partita importante contro il PSG per la prima posizione: pensi che il Borussia Dortmund sarà in grado di vincere la partita? L’eventuale qualificazione del Milan è legata anche a questo risultato… “Attualmente a Dortmund non sta andando tutto per il verso giusto. Nelle ultime settimane in Germania si è parlato spesso delle divergenze interne tra i dirigenti del club, oltre al fatto che in Bundesliga il Dortmund è solo al quarto posto in classifica. Non c’è coerenza e continuità di rendimento tra le due competizioni. Questa è la ragione per la quale non posso fare previsioni su cosa succederà tra due settimane contro il PSG. Sì, il BVB se è in giornata ha le carte in regola per battere il PSG. Se, come già successo in questa stagione, il BVB rimane in letargo allora non avrebbe alcuna possibilità. C’è anche da considerare il fatto che la squadra ha qualche infortunio e sta affrontando una serie di impegni ravvicinati a livello di calendario. Non è per niente facile…”.

ESCLUSIVA, PELLEGATTI DOPO MILAN-BORUSSIA DORTMUND: “CARDINALE È QUI E PARLERÀ: MA CHI PRENDE LE DECISIONI?”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate