Milan-Bologna, i numeri di Loftus-Cheek: è il primo in Europa!

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

In Milan-Bologna i rossoneri scoprono l’essenzialità di Loftus-Cheek: forza fisica, gol e carattere, con gli infortuni alle spalle si può ripartire

Uno dei pochi elementi positivi all’indomani dell’amaro pareggio in Milan-Bologna è il ricordo della grande prestazione di Ruben Loftus Cheek. Inserito da Pioli come trequartista, leggermente avanzato rispetto alla posizione di mezzala di inizio stagione, l’inglese mette a segno la prima doppietta italiana e regala (solo per qualche minuto) l’illusione di una nuova vittoria in rimonta. Oltre alla partita di ieri, però, molti altri numeri mettono in mostra il numero otto come acquisto di altissimo livello.

MILAN-BOLOGNA, SACCHI: “LOFTUS-CHEEK IMPRESSIONANTE, ZIRKZEE DELIZIA”

Il Milan-Bologna di Loftus-Cheek

Due gol e non solo, al termine di Milan-Bologna Pioli ha paragonato Loftus-Cheek a Milinkovic Savic, e i numeri gli danno ragione. L’inglese è, a oggi, il mediano in grado di trovare la via della rete in più partita nei cinque principali campionati europei (in tre occasioni). A livello individuale, poi, è molto vicino a superare la sua stagione con più marcature: i sei gol messi a segno nell’annata 2018-2019. Tornando alla partita di ieri, però, oltre alle due splendide reti è giusto segnalare il grande spirito di sacrificio, l’impegno in fase di pressing e la capacità di riempire l’area. L’allenatore rossonero gli aveva “chiesto” di segnare di più, ed è stato subito accontentato: a questi ritmi, arrivare in doppia cifra non dovrebbe essere un problema. La sua fisicità e la sua leadership sono già essenziali per il “nuovo” Milan del 2024, chiamato a chiudere tranquillamente il campionato e provare a vincere l’Europa League (che Loftus-Cheek, tra l’altro, ha già alzato in passato).

MILAN-BOLOGNA, PIOLI: “C’È RAMMARICO, LA PRESTAZIONE L’ABBIAMO FATTA. ZIRKZEE? FANTASTICO”

Termometro

Dopo la doppietta di Milan-Bologna, Ruben Loftus-Cheek si è elevato a “simbolo” della stagione rossonera. Un calciatore potenzialmente devastante, ampiamente superiore alla media offerta dal resto della Serie A, in grado di mettere insieme fisicità, feeling col gol e presenza costante su tutto il perimetro di gioco. Un po’ come il Milan: qualità evidenti, secondo attacco in campionato. Come tutto il resto del Diavolo (o quasi) a frenare l’inglese nella prima metà del campionato sono stati gli infortuni. Muscolari per i suoi compagni, pubalgia nel suo caso. Un problema che lo ha reso molto più inoffensivo per buona parte della stagione. Messi alle spalle i guai fisici, però, Loftus-Cheek (e tutto il Milan) è pronto a ripartire.

MILAN-BOLOGNA, “EPISODI COMPLICATI E PARTICOLARI”: LA MOVIOLA DI MARELLI

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate