Milan-Bologna, Giunti in ESCLUSIVA: “Non finirà così! Occhio a Saelemaekers…”

I più letti

Abbiamo intervistato Federico Giunti, ex centrocampista di Bologna e Milan, che ci ha raccontato come i ragazzi di mister Thiago Motta si stanno preparando all’importante trasferta di San Siro contro il Milan

Contro il Bologna a San Siro, il Milan punta alla quinta vittoria consecutiva in campionato per mettere fiato sul collo a Inter e Juventus nella corsa scudetto. Per la 22a giornata ospiterà in casa la squadra di Thiago Motta, una formazione che finora ha sorpreso tutti e che sogna un posto in Europa, nonostante qualche difficoltà negli ultimi match. Abbiamo chiesto a Federico Giunti, ex centrocampista di Bologna e Milan, come i rossoblu si stanno preparando all’importante trasferta di San Siro contro i rossoneri.

Come arriva il Bologna alla sfida in casa del Milan

Come sta la squadra, come sta preparando questa importante sfida contro il Milan?Il Bologna viene da due mesi (novembre/dicembre) che sono stati incredibili, ci hanno costruito la classifica attuale praticamente e si sono affacciati addirittura alle soglie della qualificazione in Champions. È una squadra che ha fatto molto bene, ultimamente non poteva secondo me tenere quel ritmo perché probabilmente non ha un organico che riuscirà ad entrare tra le prime quattro, ha rallentato un attimo con le ultime 3 partite, Coppa Italia compresa, però rimane una squadra assolutamente da non sottovalutare perché innanzitutto gioca bene, affronta l’avversario in maniera moderna, aperta, l’allenatore ha trasmesso delle idee di gioco assolutamente interessanti e quindi per questo motivo il Milan dovrà stare attento. Non sarà una partita facile“.

DOVE VEDERE MILAN-BOLOGNA, DAZN O SKY? SCELTI I TELECRONISTI

Joshua Zirkzee e compagni

Dato che ormai è sulla bocca di tutti, non posso che non chiederti di Zirkzee: sei sorpreso dalla sua esplosione? Ti aspettavi un rendimento del genere? È un giocatore che chiaramente ho scoperto giocare con il Bologna, non essendo un giocatore “conosciuto” non sapevo quali potessero essere i suoi margini di miglioramento, invece sono stati rapidissimi ad innalzarsi verso l’alto. È un giocatore che ti attacca la profondità, bravo a fare le sponde e gli ho visto fare tanti begli assist per i compagni. Tra l’altro leggo di un interessamento da parte dei rossoneri stessi per giugno, quindi i dirigenti del Milan oltre che la loro squadra guarderanno molto la prestazione di questo giocatore che a suon di prestazioni si sta ritagliando una visibilità assolutamente meritata“.

Quali altri giocatori sono stati una piacevole scoperta per te? Direi Ferguson in mezzo al campo e un giocatore che esce dalla primavera della Roma che me lo ricordo come terzino e che invece adesso fa il centrale, ovvero Calafiori: a parte l’ultima partita di Cagliari che penso sia stata la peggiore di questa stagione, poi è un giocatore assolutamente valido, performante, ha un fisico che gli permette di avere fisicità contro chiunque, non ultimo riesce ad avere un ottimo impatto dal punto di vista dell’impostazione perché è molto tecnico. Penso che Thiago Motta gli abbia ritagliato il ruolo giusto che lo sta valorizzando“.

E’ MASSA L’ARBITRO DI MILAN-BOLOGNA: L’ULTIMO, DISASTROSO PRECEDENTE E NON SOLO

Quale giocatore prenderesti da un’altra squadra? Qual è quel giocatore, quel profilo che ti fa dire “io questo lo vedrei nel Bologna”? Non direi un giocatore conosciuto perché conosco bene il direttore sportivo del Bologna Sartori che ho avuto al Chievo e che penso sia uno dei primi d’Italia in termini di “scopritori” di talenti: farà quello che ha sempre fatto andando a scoprire giocatori sconosciuti, prendendoli per poco e poi facendoli crescere e rivendendoli a tanto. È il suo modus operandi, più che un nome racchiudo dentro una fotografia il prototipo di giocatore che cerca il Bologna, perché Giovanni Sartori è veramente fuori categoria quando si tratta di gestire le squadre come poteva essere il Chievo, come è stata l’Atalanta e come sarà il Bologna. Credo che il Bologna abbia in casa un super talento sotto il profilo dello scouting, è la sua fortuna“.

I rossoneri e la rincorsa alle prime due

Parlando di Milan, cosa si aspetta dai rossoneri dopo la vittoria sofferta contro l’Udinese?Sono quelle partite che possono diventare complicate se non le affronti nel migliore dei modi, non sei nella condizione migliore oppure ti manca qualche giocatore. Il Milan in ogni caso viene tra 4 vittorie consecutive, quindi ha un trend positivo, ha un jolly in casa ancora che secondo me dovrà in tutte le maniere sfruttare per rimanere in scia delle due prime della classe. Gli rimane sempre l’obiettivo del campionato perché comunque quando mancano così tante partite non possiamo escludere la lotta dello scudetto, anche se le due davanti hanno già un buon vantaggio; il vero obiettivo credo possa essere l’Europa League perché ci sono tutte le possibilità per fare un torneo europeo al massimo. Tra l’altro gli rientra Bennacer dalla Coppa d’Africa visto che l’Algeria è stata eliminata, quindi ritrova un tassello fondamentale che con Reijnders e Loftus-Cheek formano un buon tridente di centrocampo. È l’arma che è mancata tanto nella prima parte della stagione perché ha caratteristiche che non hanno altri giocatori. Poi ci sono stati problemi per quanto riguarda i centrali difensivi con gli infortuni in serie di Tomori e Thiaw e sono contento per il ritorno di Matteo Gabbia perché ha fatto 2 partite fantastiche, non poteva esserci rientro migliore, è un ragazzo che se lo merita. Io l’ho sempre detto, se il Milan recupera gli infortunati può dare fastidio a tutti, anche alle due davanti“.

 MILAN-BOLOGNA, PROBABILE FORMAZIONE: PIOLI CONFERMA IL BLOCCO! E BENNACER?

Cosa o quale giocatore del Milan la spaventa maggiormente?Leao anche se in questo momento non è al massimo della sua forma, ma ce ne sono tanti altri: Theo ha fatto partite da centrale assolutamente buone, poi adesso è tornato sulla fascia sinistra a pieno regime; in mezzo al campo lo stesso Loftus-Cheek e Reijnders li vedo dentro la squadra; davanti Giroud e Pulisic o chi giocherà sono temibili. Insomma, il Milan a centrocampo le frecce le ha, quindi se devo scegliere il più temibile scelgo Rafa.

Milan favorito ma attento all’ex

Per concludere una domanda un po’ “ostica”: che risultato si aspetta da questa sfida a San Siro, che Bologna si aspetta?Il Milan deve fare risultato perché glielo impone la classifica, penso che la rosa del Milan sia superiore. Non faccio un pronostico perché spesso vengono azzerati da situazioni inaspettate, ma torno alla prima domanda che mi hai fatto dicendo che mi aspetto una partita molto aperta: il Milan magari la vincerà ma il Bologna non renderà vita facile. L’ultima cosa che mi viene in mente è che ci sarà un ex che vorrà far vedere tutto il suo valore, ovvero Saelemaekers, che a quanto pare sarà della partita visto che dovrebbe rientrare. Di sicuro posso sbilanciarmi dicendo che non finirà 0-0, per l’approccio che hanno i due allenatori sarei stupitissimo se finisse a reti inviolate.

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate