Milan, Baldanzi: “Emergere non è facile! Futuro? Manco ci penso…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, il talentino dell’Empoli e obiettivo di mercato del Milan Tommaso Baldanzi ha parlato del cammino degli azzurrini nel Mondiale U20: quali sono gli obiettivi dopo la vittoria sull’Inghilterra? E cosa c’è nel futuro di Tommaso Baldanzi?

Baldanzi su Inghilterra-Italia, sulla prossima sfida con la Colombia e sulle chance di vincere il Mondiale U-20

«Sì, proprio come l’anno scorso non è stata una partita facile. Però l’abbiamo giocata alla grande, esattamente come l’avevamo preparata. In certi momenti abbiamo sofferto, in tanti altri l’abbiamo dominata, e credo proprio che abbiamo meritato di vincere e andare avanti. Conosciamo la Colombia avversaria dei quarti? Sinceramente no, ma se sono arrivati fin qua vuol dire che sono forti e potranno metterci in difficoltà. Tanto quanto noi potremo fare con loro, s’intende. Possiamo vincerlo? Certo. Sono solo tre partite, tre. Nel calcio i pronostici contano poco però sì, ci crediamo. Così come immagino ci credano anche le altre…».

Baldanzi, Pafundi, Casadei… la tecnica degli azzurrini

«Io leader è un parolone… Però sono uno di quelli che in questo gruppo c’è da più tempo, lo conosco bene. E mi lasci dire che sono davvero orgoglioso di quello che sta facendo. Il fatto che uno come Pafundi alla sua età sia arrivato dov’è dice tanto. Con lui in campo mi sto trovando benissimo, ha ottime qualità. La fantasia non ci manca. Io, Pafundi, Casadei e non solo, abbiamo tecnica e piedi buoni, ci divertiamo e siamo felici di mostrarlo. Ma non solo. Per andare avanti servono pure concretezza e voglia di vincere, e anche quelle non ci mancano».

ULTIME NOTIZIE MILAN – RAFAEL LEAO RINNOVA E… CAMBIA MAGLIA! TRA ADLI, BRAHIM E RIVERA

Baldanzi e… il disagio dell’altezza (1,76m)

«No, mai sentito a disagio. Questo è il mio fisico, e ci lavoro tanto. Nel calcio ci sono tanti modi di giocare, l’importante è mettere le proprie qualità al servizio della squadra».

L’Italia è i giovani: si punta troppo poco?

«Non penso che ci si punti poco, penso piuttosto che per un giovane non sia facile emergere. Però il percorso delle Under azzurre, il fatto che in Nazionale maggiore vengano convocati sempre più ragazzi e anche i risultati che stiamo ottenendo noi qui in Argentina dimostrano che nel nostro Paese di talento ce n’è tanto. E chi è bravo alla fine viene fuori, ognuno con i suoi tempi».

Tra il primo anno di Serie A ed Empoli

«Non è stato facile, ci sono tanti ostacoli per uno che arriva dalle giovanili ma devo dire che mi è stata data fiducia all’interno di un gruppo fantastico. E quando ti senti a tuo agio, puoi esprimere le tue potenzialità al meglio. L’Empoli è un club dove ti danno la possibilità di sbagliare e di lavorare bene per migliorarti. E così poi i risultati arrivano».

ULTIME NOTIZIE MILAN – IBRAHIMOVIC TOGLIE LA MASCHERA: “NON LASCIO, MA SERVE EQUILIBRIO! E SO COSA MANCA AL MILAN…”

Il difensore più tosto?

«Tanti. Se devo dire uno che mi ha impressionato… Kim».

Baldanzi sul futuro: oltre al Milan, tante big sono state accostate al suo nome

«Ma non mi disturbano e manco ci penso. Sono con l’Italia ai quarti di un Mondiale, è qui che devo mostrare quanto valgo».

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Baldanzi Milan

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate