Milan-Atletico Madrid, Diaz in conferenza: “Calhanoglu? Penso solo ad essere la versione migliore di me”

Milan-Atletico Madrid Diaz

Milan-Atletico Madrid Diaz – Alla vigilia di Milan-Atletico Madrid, Brahim DIaz ha parlato in conferenza stampa. Di seguito riportate le sue dichiarazioni:

Stai vivendo un bel momento. La partita della svolta è stata Juve-Milan di maggio?

Ho sempre avuto la fiducia del mister e dello staff. Non credo che sia stata lì. Tutta la squadra ha fatto bene e ha avuto un buon livello. Io ho sempre creduto in me e anche tutti quanti mi hanno dato fiducia.

Ti hanno dato il comando della squadra. C’è più fiducia nei giovani qui in Italia rispetto che in Spagna?

Credo che sia vero che ci sono tanti giovani, ma anche in Spagna i giovani stanno uscendo. Non penso che ci sia più o meno. Tutti abbiamo la stessa responsabilità e mi piace averla, ma credo che alla fine si tratta di squadra e senza la squadra il singolo non può nulla.

Raccogli l’eredità di Çalhanoglu. Questa pressione come l’hai gestita?

Penso solo ad essere la versione migliore di me, fare quello che posso e aiutare la squadra. È un gioco di squadra e abbiamo uno spirito incredibile. Siamo in un buon momento e vogliamo vincere e far bene.

Stai crescendo molto al Milan. È una partita importante per te visto che sei stato un giocatore del Real?

Ovviamente la mia provenienza influisce, ma alla fine ora sono un giocatore del Milan e penso ad aiutare il Milan. L’unica cosa che vogliamo sono i 3 punti.

Dopo i nuovi rinforzi dell’Atletico credi che sia la rosa più forte di Spagna?

La rosa è molto ampia e i giocatori hanno talento e lavorano. Non so se sia la migliore o meno ma è molto forte. Giocheranno tutta la partita con la stessa intensità e fino alla fine, spesso vincono nei minuti finali.

In questo momento ti senti uno dei leader della squadra? Qual è il rapporto all’interno dello spogliatoio?

Come ho detto lottiamo tutti l’uno per l’altro, ognuno è un pezzo. L’armonia è incredibile e siamo come una famiglia. Stiamo giocando molto bene e ora dobbiamo migliorare e alzare il livello perché è una grande partita. Sono molto contento di questa responsabilità e i compagni mi aiutano. Non mi sento il leader, aiuto soltanto con gol e assist.

Leggi QUI il nostro editoriale di Spezia-Milan

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.