Milan-Atalanta, botta e risposta Gasperini-Pioli: “Dà tanto fastidio”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Pioli risponde a Gasperini in conferenza stampa dopo il pareggio tra Milan e Atalanta: duello dialettico a distanza tra i due

Dopo le due sconfitte consecutive a Monza e a Rennes, il Milan avrebbe voluto racimolare più di un solo punto in casa contro l’Atalanta. Specie dopo un’ottima prestazione. Gli uomini di Stefano Pioli, però, hanno dovuto arrendersi a un rigore parecchio contestato e a dir poco dubbio. In seguito alle perplessità espresse dall’allenatore del Milan, quello della Dea ha ammesso di aver colto la generosità della coppia Orsato-Irrati in occasione del contatto tra Giroud e Holm dentro l’area. Anche in conferenza stampa, successivamente nel post partita, è scaturito un botta e risposta a distanza. Entriamo nel merito.

MILAN-ATALANTA 1-1, LE PAGELLE: LEAO DOMINANTE, GIROUD INGENUO

La provocazione di Gasp

Come detto, Pioli ai microfoni di DAZN aveva recriminato il calcio di rigore concesso all’Atalanta: “Holm si mette le mani in faccia e in testa. Non è lì che è stato toccato. E già questo non va bene, a mio avviso. In più è troppo poco per il metro di arbitraggio che ha sempre Orsato”. Appena dopo, Gasperini ha aggiunto una frase che non è piaciuta innanzitutto ai milanisti, e poi anche al tecnico rossonero. Così l’allenatore atalantino: “Non sono mai stato favorevole a questo tipo di rigori, ma sono diventati molto frequenti. E comunque noi contro il Milan abbiamo un bel credito da smaltire per quanto riguarda i rigori”.

MILAN-ATALANTA, MARELLI: “RIGORE CODIFICATO, OFR BREVE PER QUESTO MOTIVO”

 La risposta di Pioli

Durante la classica conferenza stampa del post, a Stefano Pioli è stata riportata la frase pronunciata all’interno della lunga intervista a proposito di un presunto “credito” con i rossoneri. Lui ha risposto così: “Certe cose mi danno tanto fastidio”. Inoltre, a proposito del tema la guida tecnica del Milan ha anche parlato della statistica sui fischi a sfavore (11 in stagione): “A volte forse abbiamo sbagliato situazioni individuali e siamo stati ingenui. L’altra cosa che dirò è che attacchiamo tanto, ma non ne prendiamo tanti. Dobbiamo farci scaltri“.

Curiosamente, prima di ricevere due tiri dagli undici metri nel giro di due confronti diretti tra Coppa Italia e campionato, lo scorso 9 gennaio Gasperini parlava così:

“Non siamo molto bravi a fare tuffi dentro l’area ed evidenziare certi episodi che stanno diventando rigori certi, c’è una ricerca spasmodica ad ingannare l’arbitro”.

 

Ultime news

Notizie correlate