De Ketelaere, Pioli parla (e ammette) pre Milan-Atalanta: “Ricordo gli sguardi”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Stefano Pioli ha parlato del “nuovo” De Ketelaere con la maglia dell’Atalanta, prossimo avversario del Milan: dai meriti di Gasperini a Maldini e Massara

Nella conferenza stampa di presentazione della sfida tra Milan e Atalanta, la domanda su Charles De Ketelaere non poteva non arrivare: Stefano Pioli ha risposto parlando anche della scelta di Paolo Maldini e Frederic Massara.

Bruges, Milan e Atalanta: Pioli su De Ketelaere, Gasperini, Maldini e Massara

La domanda, arrivata dai giornalisti presenti nella sala stampa di Milanello, è la seguente: “Le pressioni e le aspettative diverse forse hanno aiutato De Ketelaere, e forse anche Gasperini ad avere un approccio diverso?

Prima di parlare di De Ketelaere, di Maldini e di Massara, Stefano Pioli si concentra su Gasperini, prossimo avversario ancora una volta in Milan-Atalanta: “Su Gasperini devo rispondere? Che Gasperini stia facendo un lavoro incredibile ed eccezionale ormai son quasi 10 anni che l’Atalanta sta facendo bene. Bisogna fargli solo dei complimenti per il lavoro che sta facendo. Anche lui in quei 10 anni ha avuto delle annate esaltati ed annate meno producenti ma sta facendo sicuramente un ottimo lavoro“.

Quando entra nel merito su quello che probabilmente sarà un ex giocatore rossonero, Pioli rivolge una frase che non lascia troppo spazio ad interpretazioni nei confronti dei giornalisti presenti. “Per quanto riguarda Charles, io mi ricordo anche i vostri sguardi e tanti commenti quando l’anno scorso si diceva che Charles De Ketelaere era un buon giocatore che aveva delle qualità, che Maldini e Massara non avevano preso un pacco e non avevano preso un bidone“.

Cosa non è andato?

Sulle difficoltà del primo anno con la maglia del Milan, Pioli ci ha tenuto a sottolineare che “ci sono stati tanti esempi nel passato e ci saranno tanti giocatori in futuro che al primo anno in Italia faranno fatica, per poi riuscire a far meglio poi“.

Quello che arriva dopo è un complimento sia al ragazzo che soprattutto all’allenatore dell’Atalanta, complimento che potrebbe suonare come una piccola ammissione di colpevolezza: “Charles ha sicuramente delle qualità, Gasperini è stato bravissimo a trovargli una posizione più offensiva e probabilmente più adatta alle sue caratteristiche in quella squadra dove sta giocando. Poi ogni squadra ha la sua storia, ogni ambiente le sue aspettative. Adesso sicuramente sta facendo benissimo, e che è un giocatore al quale dobbiamo prestare parecchia attenzione“.

Ultime news

Notizie correlate