Milan, Cassano torna a parlare: “Si crede un fenomeno” Ma Leao se ne accorge

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Il nuovo affondo di Cassano contro la stella del Milan Leao, ma lui risponde sui social

Antonio Cassano torna in video a parlare anche di Milan e riparte la diatriba con Rafael Leao. Antonio Cassano è stato ospite de “La Domenica Sportiva” su Rai 2 e nei vari temi sui rossoneri affrontati nel corso della trasmissione è tornato a parlare del numero 10 del diavolo scagliandosi contro di lui. Leao tramite i social si è accorto dei video che circolavano sui nuovi attacchi di fantantonio al talento rossonero e ha risposto per le rime su X. 

Milan, l’attacco di Cassano a Leao e i paragoni

Dopo alcuni mesi è ripartita la contesa tra Cassano e Leao. Nel corso de La Domenica Sportiva in cui l’ex Inter e Milan è stato ospite, così si è espresso sul portoghese: “Se io vado a vedere come esterno l’anno scorso Rashford fa 26 gol e il campionato meraviglioso, fa le due fasi, Kvara arriva e fa un campionato meraviglioso facendo le due fasi, Foden ha un anno in meno e quest’anno ha già fatto 20 gol e 10 assist parliamo di cosa. Siccome in Italia il Campionato non è buono. Il problema è che lui pensa di essere un fenomeno, è un buon giocatore che ha una grande forza fisica, finito. Gente come Kakà, Rui Costa, Vinicius oggi quanto dovrebbero prendere…. Ha fatto 8 gol di cui in 5 mesi e mezzo non ne ha fatto uno in un Campionato farlocco”.

La risposta social del 10 rossonero

Cassano ha continuato così il suo affondo contro Rafael Leao sulla Rai parlando dei giudizi troppo affrettati sulla stella del Milan: “Fa due accelerazioni e dicono che è forte, vale, vale cosa? Quando giocavo io 10, 20 anni fa, lui non poteva giocare neanche in squadre che potevano lottare per il 6° o 7° posto”. Infine, ha individuato il fuoriclasse in Serie A, escludendo ovviamente Leao: “Guardate Lautaro. Lautaro corre, lotta, si sacrifica, fa gol, assist, è uomo squadra, è leader. Lobotka è da Barcellona e Bayern Monaco”. Leao si è accorto su dell’attacco di Cassano e ha fatto repost del video con l’emoji del pagliaccio.

Ultime news

Notizie correlate