Allenatore Milan, i consigli di Sacchi: “Berlusconi non mi ascoltò, oggi…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Arrigo Sacchi ha consigliato il Milan sulla scelta dell’allenatore del futuro: un nome era già uscito diversi anni fa

In un editoriale sulla Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi si è inserito nella discussione sul nuovo allenatore del Milan, consigliando al suo vecchio club due nomi su cui puntare per aprire un ciclo. Se il primo era già stato consigliato da Sacchi quando Berlusconi era ancora presidente del Milan, il secondo è un allenatore che ha fatto tanto, tanto parlare di sé nelle ultime stagioni.

I consigli di Arrigo

Diversi anni fa“, racconta Sacchi, “consigliai Maurizio Sarri a Berlusconi: non mi ascoltò“. Oggi, il consiglio è lo stesso: “Mi sento di proporre il nome di Sarri per il Milan, è bravo, molto bravo“. Con Sarri, continua l’ex tecnico rossonero, il Milan può aprire un ciclo “a patto di metterlo nelle migliori condizioni per rendere al massimo e quindi consegnandogli quei giocatori che lui richiede“.

Il secondo consiglio di Sacchi, “sul solco degli allenatori strateghi“, va nella direzione di Roberto De Zerbi. Per l’ex Milan, l’allenatore del Brighton “ha qualità, tecniche e umane, è un uomo di spessore, ha idee innovative e fa praticare alle sue squadre un calcio d’avanguardia“.

Ultime news

Notizie correlate