Dalla bocciatura del Wycombe al patto con la madre: Milan, chi è Matty Cash

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Il Milan pensa a Matty Cash per rinforzare la difesa: la sua storia e i 45 minuti che gli hanno cambiato per sempre la vita

Il Milan ha messo nel mirino Matty Cash, terzino destro polacco in forza all’Aston Villa. Attento in difesa, abile nella proposizione offensiva e capace di sfornare tanti assist: il polacco è l’archetipo dell’esterno difensivo di spinta che piace a Paulo Fonseca. Oltre ai valori in campo, poi, la sua storia racconta di un ragazzo grintoso, determinato, ambizioso e terribilmente appassionato. Matty Cash ha una sola cosa in testa: il calcio.

Le delusioni e quel patto con la madre

I primi passi calcistici di Matty Cash sono al Wycombe, nelle cui giovanili gioca per circa due anni. Quando tutto sembrava andare per il meglio, però, arriva la doccia fredda: la sua struttra fisica non convince, è troppo piccolo. E il Wycombe lo scarica. Quando sembra tutto finito, lui non si fa abbattere e sceglie di non ascoltare i consigli di parenti e amici: lui vuole solo diventare un calciatore. Nel 2012, Cash entra a far parte della FAB Academy, un’accademia che si pone come obiettivo quella di formare giovani talenti calcistici. Stringe anche un patto con la madre: “Io continuo a concentrarmi sul calcio, ma mi troverò un lavoro per il weekend”. Il sabato e la domenica, quindi, Matty inizia a lavorare come commesso in un negozio di abbigliamento.

I 45 minuti che gli cambiarono la vita

La vita, si sa, è strana. E delle volte basta davvero poco per rimettere tutto in gioco. Al protagonista della nostra storia sono bastati 45 minuti. La FAB Academy gioca un’amichevole contro il Nottingham Forest. Lui parte dalla panchina, ma subentra nella ripresa. Bastano 45 minuti per attirare su di sé gli occhi di tutti, compagni e avversari. A fine gara, gli allenatori del Nottingham Forest lo chiamano e gli offrono un periodo di prova. Ha inizio da qui la carriera del calciatore polacco, che si metterà in mostra sempre di più prima nelle giovanili, poi in Championship. Nel 2020 arriva una nuova svolta: l’Aston Villa lo preleva per 14 milioni di sterline e ha così l’opportunità di esordire in Premier League. In 4 stagioni, sono 142 le presenze con i Villans, condite da 9 gol e 10 assist.

 

Ultime news

Notizie correlate